martedì, 19 ottobre, 2021
Sei qui: Home / G / GRANDE INQUISITORE (IL) - regia Peter Brook

GRANDE INQUISITORE (IL) - regia Peter Brook

Il grande inquisitore Il grande inquisitore Regia Peter Brook

(The great inquisitor)
da “I Fratelli Karamazov” di F. Dostoevskij
Regia di Peter Brook
Adattamento di Marie Hélène Estienne
Disegno luci di Philippe Vialatte
Interprete Bruce Myers
Teatro Eutheca, Roma dal 25 al 28 ottobre 2012

www.Sipario.it, 29 ottobre 2012
www.Sipario.it, 1 aprile 2008

Apre la stagione del Teatro Eutheca Il grande inquisitore di Peter Brook, monologo interpretato da Bruce Myers e il cui testo risulta dall'adattamento, a cura di Marie-Hélène Estienne, del capitolo omonimo de I fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskji.
Cristo torna sulla Terra, e precisamente in Spagna, nel periodo della Santa Inquisizione e ricomincia a fare miracoli, ma viene presto fatto imprigionare dal Grande Inquisitore, che con lui intrattiene una lunga requisitoria, contestandogli in primo luogo il senso del suo ritorno, che non fa che gettare inutile scompiglio nell'assuefatta condizione umana.
Tutto lo spettacolo si svolge su di un quadrato grigio, è il recinto sacro di cui Brook quasi immancabilmente si serve per delimitare lo spazio scenico. In questo luogo così ristretto, con una scenografia estremamente scarna ed essenziale, prende forma una sorta di messa nera, ipnotica ed inquietante. L'inglese di Myers, melodico e aspro insieme, sostiene tutta la densità del monologo mantenendo una quasi costante frontalità con il pubblico.
La musicalità della dizione di Myers e la sua indiscutibile bravura sono alla base di uno spettacolo in cui, per il resto, le regole consolidate del teatro di Brook sembrano riprodotte in modo essenziale e come senza sforzo.

Federica Spinella

Un monologo “semplice”, incalzante, di micidiale nitore requisitorio, di dubitativa (oltranzistica) esternazione dialettica sul “ruolo” che occupa, o dovrebbe occupare, la figura di Cristo rispetto alle macerie della Storia, alle sue iniquità, stoltezze, accumulo di dolore sulle fragili spalle dei “vinti”, dei “dannati della terra”: di quegli ultimi, e poveri di spirito, che il Nazareno consolò promettendo loro quel “regno dei cieli” cui si accede per dono di fede e non per istanza tribunizia.

“Il grande inquisitore”, ansa implacabile e religiosamente “oltraggiosa” del torrenziale romanzo “I fratelli Karamazov” (spericolatamente, magistralmente portato in scena, anni fa, da Luca Ronconi) narra di un ipotetico, misterioso ritorno del Cristo sulla terra – a Siviglia – all’epoca della Santa Inquisizione. Per testimoniare con la sua muta presenza, le spalle al pubblico, la “necessità” teologica di un silenzio che “dovrà protrarsi” sino alla fine dei tempi, pena la banalizzazione “immanente” di una regalità spirituale che non è di questo mondo. E che – elemento basilare- non impone a nessuno acquiescenza o “estorsione di credo”. Ma sul cui letto di Procuste andrà vivisezionato – aggiungiamo noi laici – il postulato, la speciosità del potere (politico-imperiale) della Chiesa di Roma.

Nella parabola del turbinoso scrittore russo, Cristo verrà “condannato” per la seconda volta, reo di non avere seminato nell’uomo il bacillo del libero arbitrio e della libertà di coscienza. Rischiando così di ampliare il dibattito (almeno per i posteri) su alcuni dogmi della cultura protestante (il concetto di grazia, di purificazione) che non appartengono al pensiero di Dostoevskij: e nemmeno del suo illustre esegeta, Peter Brook.

Il tranello ideologico della rappresentazione – a suo modo lapidaria, inconfutabile, stentorea come in un concreto dibattimento – consiste proprio in quel rovello o dualismo (accettare o meno la trascendenza dell’ipotetico figlio di Dio) in cui il pensiero dello spettatore-medio potrebbe facilmente naufragare, sciupando – per così dire – il gusto iperbolico, provocatorio, monumentale di cui ama nutrirsi la parola-teatrale: a dispetto di ogni possibile risoluzione “hic et nunc” di un rovello che non ha razionale soluzione.

Consentendo così a Peter Brook, nell’ambito di un arredamento scenico da opera in nero, di dare scabro ornamento ad una diatriba millenaria; ovvero “esaurire” ogni speculazione sul tema mediante la nuda alternativa del teatro di parola (robusta, esemplare l’energia sonora di Bruce Myers, il protagonista), che qui è possente ma allo stesso tempo privo di armi prevaricatrici.

Alla fine, con un bacio sfuggente alla guancia del suo avversario, Cristo – imperturbabile, impermeabile ad ogni umana imputazione – accennerà ad un secondo perdono e, sempre di spalle, uscirà com’è giusto di scena. Leggendario ostaggio di una coerenza che non ammette repliche, diatribe, dimostrazioni di onnipotenza.

È il massimo che il teatro può offrire, non essendo tempio di dogmi e certezze.

Angelo Pizzuto

Ultima modifica il Giovedì, 19 Settembre 2013 08:41

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.