mercoledì, 24 aprile, 2024
Sei qui: Home / G / GL'INNAMORATI - regia Gianpiero Borgia

GL'INNAMORATI - regia Gianpiero Borgia

"Gl'innamorati", regia Gianpiero Borgia "Gl'innamorati", regia Gianpiero Borgia


da Carlo Goldoni
drammaturgia: Fabrizio Sinisi
regia: Gianpiero Borgia
con Elena Cotugno e Gianpiero Borgia
musiche: Papaceccio MMC
costumi: Giuseppe Avallone
disegno di scena: Elena Cotugno
produzione: Teatro dei Borgia
Milano, Teatro Libero dall'11 al 17 aprile 2016

www.Sipario.it, 22 aprile 2016

Fulgenzio ed Eugenia sono i nomi dei protagonisti della commedia Gl'innamorati scritta in tre atti da Carlo Goldoni (Venezia 1707 - Parigi 1793) nel 1759 per raccontare con fine arguzia le dinamiche altalenanti tra passione, emotività, impulsività e gelosia di una coppia di innamorati che a metà '700 battibeccano, si scontrano e si riappacificano in un eterno gioco di schermaglie antico quanto l'umanità. Più volte rappresentata, la pièce offre sempre una freschezza e una modernità originate anche dall'argomento universale e senza tempo.

Nella riscrittura drammaturgica operata da Francesco Sinisi, i due innamorati conservano nome e ruolo, ma sono trasportati da una sorta di macchina del tempo in una cittadina meridionale del nostro oggi dei cui complessi, nevrosi, angosce e drammi danno una rappresentazione volutamente concitata e nevrotica.

Ne risulta una pièce che, pur facendo riferimento al commediografo veneziano, è diversa e nuova nel senso che le difficoltà e i contrasti nascono come strumenti per confermare la validità e la forza di un sentimento forte e appassionato, ma distorto che si nutre del negativo per vivere e affermare la propria esistenza: un disvelamento delle reciproche debolezze dei protagonisti celate da un'apparente grinta e aggressività, veli che insicurezze e dubbi non risolti fanno navigare tra razionale e irrazionale.

Bravi i due interpreti Gianpiero Borgia (anche regista) e Elena Cotugno (sua compagna e musa) capaci di mantenere un ritmo vivace; molto abile e duttile il primo nell'impersonare anche gli altri personaggi che ruotano intorno a Eugenia, vero fulcro della storia, tramite micro segni che ne denotano man mano la variazione di ruolo dando luogo a una comicità in certi momenti coinvolgente, pur se paradossale, nel raccontare un amore malato, morboso, possessivo ed estremamente faticoso. Significativa anche la presenza di un grosso e simpatico gattone bianco in peluche, forse simbolo dell'autonoma e bizzarra imprevedibilità femminile.

Certo che la pièce fa pensare e riflettere sulla vita di coppia durante tutto il suo percorso, ahimè oggi sempre più breve: non si può non considerare come il fallimento di tanti matrimoni radichi nell'incapacità fondamentale di dialogare che spesso si riduce a uno 'sparare' monologhi che non creano accordi.

Uno spettacolo interessante che ha un suo fascino ed è adatto anche a giovani spettatori in virtù dell'adattamento particolare che ne fa un ponte tra passato e presente e dell'argomento trattato: l'amore che nelle sue diverse sfaccettature è croce e delizia degli uomini di ogni epoca.

Wanda Castelnuovo

Ultima modifica il Sabato, 23 Aprile 2016 06:33

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.