mercoledì, 29 giugno, 2022
Sei qui: Home / M / MORTE DI UN COMMESSO VIAGGIATORE - regia Leo Muscato

MORTE DI UN COMMESSO VIAGGIATORE - regia Leo Muscato

"Morte di un commesso viaggiatore", regia Leo Muscato "Morte di un commesso viaggiatore", regia Leo Muscato

Con Michele Placido e Alvia Reale
di Arthur Miller

traduzione  Masolino D’Amico
con Fabio Mascagni, Michele Venitucci

con la partecipazione di Duccio Camerini nel ruolo di Charley
e con Stefano Quatrtosi, Beniamino Zannoni, Paolo Gattini, Caterina Paolinelli, Margherita Mannino, Gianluca Pantosti, Eleonora Panizzo
scene Andrea Belli

costumi Silvia Aymonino

disegno luci Alessandro Verazzi

musiche Daniele D’Angelo 
regia Leo Muscato 
Produzione - Goldenart Production in coproduzione con Teatro Stabile del Veneto e Teatro Stabile Bolzano
Stagione 2021-2022
Roma – Teatro Quirino Vittorio Gassman dal 22 febbraio al 6 marzo 2022

www.Sipario.it, 24 febbraio 2022

A lettura il protagonista di Morte di un commesso viaggiatore viene facile immaginarlo come persona aggressiva, che deve imporre se stessa a dispetto di tutto e tutti. Willy Loman è un uomo che deve farsi strada in un campo – quello del commercio per rappresentanza – dove vige la durissima legge della concorrenza. Un cliente perso o mancato, equivale a somme di denaro in meno sullo stipendio. Per non parlare della conseguente sconsiderazione da parte dei superiori. Da qui l’essere presente sempre e comunque su tutti i fronti, in una realtà dove vita e lavoro si assottigliano finendo per confondersi. Il capolavoro di Arthur Miller lascia intravedere quel mondo in cui Marx presagiva, da parte del capitale, la sussunzione del reale fino a raggiungere la scomparsa di quest’ultimo. Così tutto si travisa, iniziando dal modo con cui si vive la casa: da luogo dolce e protettivo a fonte di debiti e schiavitù. Il rapporto coi figli è improntato a trasmettere l’esempio di un archetipo maschile che deve sempre vincere, che deve “stendere” chiunque capiti loro davanti: perché nella vita, se si vuol ottenere qualcosa, è necessario mordere, picchiare. Da questa lettura, l’opera di Miller appare essere la metafora più appropriata del nostro tempo, permeato in modo nauseabondo da una mentalità neoliberista che tutto depaupera e rende asfittico.
Nella regia di Leo Muscato, con un bravissimo, eccezionale e raffinato Michele Placido nei panni di Willy Loman, Morte di un commesso viaggiatore (in scena al Quirino), avvalendosi della bellissima traduzione di Masolino D’Amico, tutta la vicenda è come sospesa fra due tempi: un passato e un presente che insieme convivono e si separano al contempo. E questo avviene solo ed esclusivamente nella mente del protagonista. Ciò che risponde in pieno all’intenzione originaria di Miller, che avrebbe voluto intitolare la pièce The Inside of His Head.
Muscato imposta la regia eliminando ogni tono di aggressività. In tal modo, Willy appare un uomo pieno di rimpianti, pronto ad ammettere a se stesso il suo fallimento ma a negarlo di fronte agli altri; impotente ma al contempo dolce, quasi somigliando a un cucciolo indifeso, quando il figlio Biff gli mostra indifferenza e disprezzo invece che affetto. Tale coesistenza di sentimenti opposti, Placido la impersona con una recitazione raffinatissima che tutto fa apparire in perfetta soluzione di continuità: gl’impeti di rabbia sono resi con una voce alta ma quasi strozzata sul nascere; i moti di pianto e afflizione con occhi bassi che guardano a terra, il capo che ciondola come se la mente fosse alla ricerca di una realtà meno amara di quella di cui ha preso coscienza. Quando Willy ricorda il suo passato, Placido non lo interpreta ricorrendo alla chiave del delirio, ma a quella del rimpianto di pari passo alla dolcezza. Tutto, così, è più umano, a dispetto d’un mondo crudele e spietato.
Bravissimi Fabio Mascagni (Biff) e Michele Venitucci (Happy): figli umani e disumani, amorevoli e crudeli.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Domenica, 27 Febbraio 2022 01:10

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.