martedì, 07 dicembre, 2021
Sei qui: Home / P / PROCLAMI ALLA NAZIONE - di e con Elisabetta Granara, Giancarlo Mariottini, Sara Sorrentino, Carlo Strazza

PROCLAMI ALLA NAZIONE - di e con Elisabetta Granara, Giancarlo Mariottini, Sara Sorrentino, Carlo Strazza

"Proclami alla nazione", di e con Elisabetta Granara, Giancarlo Mariottini, Sara Sorrentino, Carlo Strazza "Proclami alla nazione", di e con Elisabetta Granara, Giancarlo Mariottini, Sara Sorrentino, Carlo Strazza

di e con Elisabetta Granara, Giancarlo Mariottini, Sara Sorrentino, Carlo Strazza
Produzione Compagnia SNC GranaraMariottiniSorrentinoStrazza
in collaborazione con Il Gruppo di Teatro Campestre
Teatro della Tosse, 9-11 febbraio 2017

www.Sipario.it, 14 febbraio 2017
Proclami alla nazione, lavoro originale e collettivo, racconta della fantasiosa indagine di tre cellule del linguaggio (Mariottini, Sorrentino, Granara, in divisa casual, maglietta e pantaloni), preoccupate dello scarso funzionamento dell'uomo per cui stanno lavorando (un bravo Strazza con cappotto e cappello da gerarca militare), depresso e incapace di elaborare dei discorsi originali. Le tre cellule, spacciandosi per la sua coscienza, scoprono che l'uomo non ha nulla che lo interessi del mondo circostante, fatta eccezione per i cani. Ed è sul rapporto con i cani, che il protagonista, finalmente, sceglierà di impostare l'ultimo suo "proclama alla nazione". La giovane Compagnia SNC rinuncia a scenografia e disegno luci tradizionali e costruisce invece il proprio lavoro su un testo brillante e sulla scelta degli attori di un'interpretazione bidimensionale, da cartone animato, che si limiti ad abbozzare i personaggi per privilegiare lo sviluppo dell'idea di partenza. L'illuminazione si affida unicamente a torce, led e lampade che ognuno degli attori aziona autonomamente. Minimale sarà anche la scelta musicale, per lo più elettronica strumentale (The Notwist). L'oggetto della ricerca, una riflessione sull'urgenza del dire contrapposta a quella dell'essere è ambiziosa e si muove su un territorio scivoloso, tra filosofia e psicologia. Col passare dei minuti, la direzione dello spettacolo abbandona la comicità corrosiva e frammentaria dell'inizio e sceglie di sviluppare una drammaturgia più strutturata, a scapito tuttavia dell'organicità e di una certa freschezza anarchica ed esplosiva. Nonostante la complicità di un pubblico che si diverte molto, la sensazione complessiva è quella di un lavoro ancora acerbo, la cui montagna di evidenti pregi rischia di partorire un topolino.

Massimo Milella

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Febbraio 2017 06:27

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.