giovedì, 03 dicembre, 2020
Sei qui: Home / S / SORRY, BOYS - di e con Marta Cuscunà

SORRY, BOYS - di e con Marta Cuscunà

"Sorry, boys", di e con Marta Cuscunà "Sorry, boys", di e con Marta Cuscunà

Dialoghi su un patto segreto per 12 teste mozze
Genova, venerdì 10 marzo 2017, Teatro della Tosse
di e con Marta Cuscunà
progettazione e realizzazione teste mozze Paola Villani
assistente alla regia Marco Rogante
coproduzione Centrale Fies con il sostegno di Operaestate Festival, Centro Servizi Culturali Santa Chiara, Comune di San Vito al Tagliamento, Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali, Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia con il contributo finanziario di Provincia Autonoma di Trento – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Genova, Teatro della Tosse dal 10 al 12 marzo 2017

www.Sipario.it, 11 marzo 2017

Marta Cuscunà torna a Genova con lo spettacolo che chiude la sua personale trilogia sulle resistenze femminili: un percorso di ricerca iniziato nel 2009 con il premiato È bello vivere liberi! ispirato alla prima staffetta partigiana d'Italia, proseguito con la pratica cinquecentesca della monacazione coatta di La semplicità ingannata e concluso con il nuovo Sorry, boys che prende le mosse da un evento di cronaca americana recente.

Comune denominatore di queste tre opere, che viaggiano nel tempo e nello spazio, è la condizione femminile colta in circostanze estreme e manifestata in scena attraverso i pupazzi. Il lavoro di performer di Cuscunà è complementare a quello artigianale di Paola Villani che realizza le maschere e i pupazzi che l'attrice fa vivere sulla scena. Già nei lavori precedenti avevamo apprezzato la tecnica dell'artista friulana nella manipolazione di questi straordinari oggetti di scena. La capacità di Cuscunà di dare voce, carattere, intensità a ciascun pupazzo è straordinaria.

In Sorry, boys i pupazzi sono ridotti a teste mozze: 12 maschere, realizzate sui volti di altrettanti individui che ci hanno letteralmente messo la faccia, e fissate su pannelli di legno come trofei di caccia. Cuscunà si muove leggera dietro la struttura metallica che regge le teste, manovrando il meccanismo che regola il movimento facciale e producendo dodici voci dialoganti. Ciascuna con la propria identità vocale ed emotiva, che resta salda e definita nonostante il ritmo sostenuto del botta e risposta.

La capacità tecnica salta agli occhi perché è semplicemente indispensabile alla riuscita dello spettacolo. Tuttavia la sua presenza resta nella penombra e noi siamo catturati dalla storia: diciotto ragazze di una scuola superiore americana stringono un patto segreto per restare incinte contemporaneamente e crescere la prole in una comune femminile, escludendo i padri e il resto della comunità in cui hanno vissuto.

Lo spettacolo si interroga su questo insolito progetto adolescenziale portando in scena lo sconcerto, la preoccupazione, la rabbia e l'inadeguatezza di chi ha subito la scelta delle ragazze: i genitori, il preside della scuola, la dottoressa dell'infermeria scolastica e, naturalmente, i ragazzi padri.
Invano gli adulti danno la caccia alla "strega", alla ragazza che per prima ha avuto l'idea e ha convinto le altre a stringere il patto. Le giovani si proteggono e si negano. L'unica traccia di loro in scena sono i messaggi che si scambiano in chat, proiettati su un display al centro del palco.

La scelta consapevole di una maternità condivisa a sedici anni rappresenta quel ribaltamento della norma che terrorizza il sistema, che sfugge al controllo, che inchioda gli adulti alle proprie responsabilità e condanna i ragazzi per la loro immaturità. Cuscunà coglie con ironia e lucidità i cortocircuiti che innescano la rivolta.

Marianna Norese

Ultima modifica il Sabato, 11 Marzo 2017 20:26

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.