mercoledì, 12 agosto, 2020
Sei qui: Home / S / STORIA DI RONALDO (LA) PAGLIACCIO DI MCDONALD'S - regia Giorgio Barberio Corsetti

STORIA DI RONALDO (LA) PAGLIACCIO DI MCDONALD'S - regia Giorgio Barberio Corsetti

La Storia di Ronaldo - Pagliaccio di McDonald's La Storia di Ronaldo - Pagliaccio di McDonald's Regia Giorgio Barberio Corsetti

di Rodrigo Garcia
con Andrea Di Casa
regia di Giorgio Barberio Corsetti
scena: Valentina Fusco e Mariano Lucci
costumi: Marina Schindler
Milano, Teatro della Contraddizione, dal 25 al 28 ottobre 2007

Il Mattino, 24 novembre 2007
Corriere della Sera, 27 ottobre 2007
Il fast food? Una menzogna da pagliacci

«Annunciando delle buone notizie ci si rende amabili. Annunciandone di cattive, ci si rende importanti: scegliete». Mi son ricordato dell'aforisma e del monito di Henry de Montherlant mentre l'altra sera vedevo, nella Sala Ridotto del Mercadante, «La storia di Ronaldo il pagliaccio del McDonald's» di Rodrigo García messa in scena da Giorgio Barberio Corsetti. E non solo perché lo scrittore francese, individualista e antipatico per scelta, somiglia molto a quest'autore, attore e regista venuto dall'Argentina a dare, come già mi è capitato di scrivere, un tremendo pugno nello stomaco impigrito della vecchia Europa teatrale. Il fatto è che nel testo di García compare un'eclatante parafrasi dell'aforisma e del monito citati: «Vuoi portare allegria a tavola? Porta un argomento di conversazione idiota». E basti una simile constatazione a dire come la giostra messa in moto dall'argentino - quella, ad un tempo scintillante e insensata, della società post-capitalistica, con tutte le sue protervie granguignolesche e le sue livide (o comicissime) frattaglie ideologiche - venga a tratti bloccata da osservazioni tanto paradossali e surreali quanto legate alla più bruciante attualità e alla più ordinaria quotidianità. Sullo scarto programmatico fra l'apparire e l'essere si fonda, del resto, anche l'intelligente regia di Barberio Corsetti. Il pagliaccio Ronaldo, nota mascotte dell'impero dei «fast food», si manifesta per quasi tutto lo spettacolo solo nel video proiettato sulle piastrelle bianche della cucina in cui si preparano gli hamburger: e lo vediamo, s'intende, circondato da gente che s'ingozza sorridente sullo sfondo, appunto, del celebre logo e degli slogan pubblicitari del McDonald's. Mentre a raccontarci la sua storia è l'inserviente intento prima a pulire la cucina e poi a cuocere e inscatolare i fatidici intrugli. Siamo allo scontro fra la superficie (quindi la menzogna) del consumismo e la concretezza (quindi la verità) del corpo. Non per caso a un certo punto l'inserviente cerca di cancellare il se stesso proiettato sulla parete. E ancora non per caso indosserà il costume di Ronaldo solo alla fine, quando annuncerà il suo progetto di avvelenare col pesticida gli «happy meals» serviti ai bambini. L'immagine si è sovrapposta al corpo, la nevrosi di massa ne ha cancellato l'innocenza. E molto bravo è l'interprete Andrea Di Casa. Uno spettacolo, insomma, che vale la pena di non perdere. Piccolo e breve, ma intenso e ricco.

Enrico Fiore

Bravo e ironico il pagliaccio di Garcia

Chi è il protagonista del caustico testo di Rodrigo Garcia «La storia di Ronaldo. Pagliaccio del McDonald' s»? Si tratta forse di un bieco reazionario? È un rivoluzionario? Magari un anarchico insofferente ad ogni schema e ad ogni potere? Ronaldo, nato dalla provocatoria intelligenza dell' autore-attore-regista, argentino di nascita e spagnolo d' adozione, è tutto questo e molto altro ancora, ma è soprattutto un giovane che guarda con occhio critico la società in cui vive. E lo fa con mente ludica e spirito corrosivo. Nell' intelligente, inventiva messinscena di Giorgio Barberio Corsetti, Ronaldo lavora in uno di questi templi del fast food che prosperano nelle città di tuto il mondo, pulisce la cucina, confeziona panini per trasformarsi poi nel pagliaccio, diventato simbolo della globalizzazione, per offrire ai bambini cibo, giochi e allegria. Ma in verità, come sostiene il protagonista, per spappolarne il cervello, impedire loro di pensare, tant' è che vorrebbe avvelenarne un bel pò con il pesticida «perché è meglio che muoiano alla svelta invece di andare avanti tutta la vita con la testa che butta fuori pensieri che fanno schifo». Ronaldo ne ha poprio per tutti, per gli americani, per gli europei, i politici, la famiglia e tutte le religioni del pianeta, è il re del politicamente scorretto, che riesce però con acutezza a vedere una società irresponsabile, mentalmente obesa, affogata in un finto e indotto benessere e in un consumo che alla fine divora se stesso. Con bravura, ricchezza di toni e intenzioni Andrea Di Casa (qui nella foto) fa vivere il suo Ronaldo, ragazzo come milioni di ragazzi, disilluso, ironico, provocatorio, e si fa letteralmente in quattro nel divertente filmato che ogni tanto viene proiettato sulle bianche piastrelle della cucina in cui si dà tanto da fare. Ronaldo pulisce, prepara gli hamburger e poi butta tutto per terra, ma alla fine rimetterà tutto in ordine, perché in questa società anche la rabbia può essere inghiottita dal conformismo.

Magda Poli

Ultima modifica il Giovedì, 26 Settembre 2013 08:44

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.