domenica, 29 novembre, 2020
Sei qui: Home / T / TITO/GIULIO CESARE - regia Gabriele Russo/Andrea De Rosa

TITO/GIULIO CESARE - regia Gabriele Russo/Andrea De Rosa

"Giulio Cesare", regia Andrea De Rosa. "Giulio Cesare", regia Andrea De Rosa.

2 riscritture originali da Shakespeare

di Michele Santeramo/Fabrizio Sinisi

dirette da Gabriele Russo/Andrea De Rosa

scene Francesco Esposito 

costumi Chiara Aversano

luci Salvatore Palladino, Gianni Caccia

Sound Designer G.U.P. Alcaro
Tito

di Michele Santeramo

con Andrea Bancale, Roberto Caccioppoli, Antimo Casertano, Fabrizio Ferracane,
Martina Galletta
, Ernesto Lama, Daniele Marino, Francesca Piroi, Daniele Russo,
Filippo Scotti, Andrea Sorrentino, Rosario Tedesco

regia Gabriele Russo


a seguire
Giulio Cesare
di Fabrizio Sinisi

con Nicola Ciaffoni, Daniele Russo, Rosario Tedesco, Andrea Sorrentino

regia Andrea De Rosa

produzione Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini
Roma, Teatro Argentina, dal 7 al 12 maggio 2019

www.Sipario.it, 12 maggio 2019

Per il teatro, argomento privilegiato di riflessione è quasi sempre il potere. In un momento storico come il nostro, in cui è difficile individuare chi detiene le redini del comando perché tutto affidato a norme, regolamenti e procedure, sperimentare ciò che l'arte drammaturgica ci mette a disposizione può aiutare a comprendere se il nostro rapporto rispetto al potere è cambiato o no. In tal senso, il dittico Tito/Giulio Cesare, in scena all'Argentina, fino a che punto sperimenta la potenza della metafora?
Due "riscritture". Due adattamenti liberamente ispirati alle opere omonime di Shakespeare. Il Tito rielaborato da Michele Santeramo mostra un personaggio che del potere non sa che farsene. Egli vuole essere una persona normale. Vivere come tutti. Passare inosservato. Avere la forza di non doversi vendicare per un torto subito. Le cose andranno diversamente. Perché, più che sfuggire al comando, sarà impossibile – per Tito – rinunciare ad essere responsabile nei confronti della comunità in cui vive. Poiché è quest'ultima a non volere, a non potere, abbandonare il generale alla sua solitudine.
Il Giulio Cesare di Fabrizio Sinisi, invece, mostra quel che accade a seguito dell'uccisione del tiranno. Gli ideatori e gli esecutori del colpo di stato raccontano non ciò che hanno commesso bensì le conseguenze. Si finisce, così, per scoprire che il potere non coincide mai solo o con la persona o col suo ruolo nella società. Bensì con l'idea del potere che si diffonde fra il popolo. E che continua a sopravvivere anche se gli individui non vi saranno più ad incarnarla.
Potere, quindi, come inevitabile responsabilità. Oppure idea, presenza metafisica che pervade la società in ogni sua struttura, dandole così vita e regolandola a dispetto delle intenzioni dei singoli.
Questa riflessione sulla natura del "politico", Santeramo ed Esposito l'hanno pensata in forma eminentemente moderna. In Tito si è voluto giocare ad un teatro nel teatro che ricorda l'ironia sferzante e beffarda usata da Carlo Cecchi. In Giulio Cesare l'ispirazione al Beckett di Giorni felici e dei suoi scenari apocalittici è netta.
Ferma restando la bravura degli attori, quasi tutti bene in parte nei loro ruoli e senza mai utilizzare stinti clichés, a non convincere sono proprio le ispirazioni delle due riscritture.
L'ironia del teatro nel teatro è, ormai, troppo nota e poco innovativa per stupire ancora. E lo stesso vale per le atmosfere beckettiane. In entrambi i casi, ci si trova di fronte a due modelli classici. Che van benissimo in quanto riferimenti, modelli. Ma che, un bel giorno, bisognerà superare per far tornare a scorrere nuova linfa nel teatro. Come? Qui è il punto su cui riflettere.
Intensa e suggestiva la metafora shakespeariana. Ricca di allusioni. Attenta all'uomo come individuo e come essere sociale. Tito/Giulio Cesare, queste "riscritture originali", hanno offerto belle riflessioni sul tema del potere. Ma la potenza del simbolo, quella sua straordinaria ambiguità: tutto questo dov'è?

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Giovedì, 16 Maggio 2019 12:40

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.