venerdì, 27 maggio, 2022
Sei qui: Home / V / VIVA LA VIDA - regia Gigi Di Luca

VIVA LA VIDA - regia Gigi Di Luca

Pamela Villoresi in "Viva la Vida", regia Gigi Di Luca. Foto Marco Ghidelli Pamela Villoresi in "Viva la Vida", regia Gigi Di Luca. Foto Marco Ghidelli

liberamente tratto dal romanzo di Pino Cacucci
progetto, adattamento e e regia Gigi Di Luca
con Pamela Villoresi e con Veronica Bottigliero, Lavinia Mancusi
scene Maria Teresa D’Alessio
costumi Roberta Di Capua, Rosario Martone,
luci Nino Annaloro
assistente alla regia Valentina Enea
produzione teatro Biondo Palermo
Lonigo (Vicenza), teatro Comunale, 6 dicembre 2021

www.Sipario.it, 7 dicembre 2021

Talento, innata visionarietà venuta fuori forzata a causa di un evento disgraziato, o forse, chissà, sarebbe successo ugualmente. E sfortuna, soprattutto, presente in egual maniera nella vita di Frida Kahlo, raccontata in questo spaccato del suo vivere liberamente tratto dal romanzo di Pino Cacucci dal titolo omonimo, “Viva la vida”, che il regista Gigi Di Luca mette in scena in questi giorni, e che abbiamo visto a Lonigo, nella stupenda cornice del Teatro Comunale. Di spalle al pubblico, a seno nudo, dapprima quasi inchiodata su un letto a baldacchino che nella bella scena di Maria Teresa D’alessio diventa una poltrona da barbiere che abbandona dopo un po’ con sforzo possente di movimento, Frida racconta se stessa a partire dall’incidente che l’ha segnata. Trafitta, violata intimamente mentre si trovava in un autobus, da una sbarra durante un sinistro con un tram. Vita di sofferenza di cui in maniera lucida cerca di voltare le pagine, diciott’anni appena compiuti e tutto da reinventare attraverso atroci sofferenze. Una giovane donna che inizia a capire cos’è la durezza del vivere, lei, che proprio fortunata non lo è stata già da bambina quando le veniva diagnosticata una specie di poliomelite, e si trascinava una gamba presa in giro dai suoi coetanei. Situazione che la forgia tuttavia, la fa già diventare altro, oltre la ragazzina che c’è in lei. Una prova anticipata di quello che sarebbe accaduto dopo, quando è tutto il corpo a essere martoriato duramente, che condiziona inevitabilmente e male lo scorrere dei suoi anni. Ma Frida è ben altro, è caparbietà diffusa, volontà destinata a crescere e a non finire, ecco dunque la pittura come arma contro l’immobilità, i ritratti sofferti, in un corpo a corpo metafisico con il destino, se non altro destinato alla parità. Immobile, o quasi, Frida Kahlo subisce ma si ribella e con il groppo in gola dice di sé, del suo smisurato amore - odio per Diego Rivera, un “avvelenamento, il sole e la luna”. Dipinge e dipinge, Frida, prima autoritraendosi svelando i suoi pensieri e le battaglie quotidiane, poi passando a inserire elementi surrealisti in contesti messicani intrisi di memoria, dolore, sensualità, un tripudio di colori e umori, dove talvolta l’eros rimbalza e rapisce. Ma è la Kahlo che qui non si vede, quella che sta sempre “a dipingere l’inferno della solitudine”, come afferma. Combattiva e irriducibile, ferma nelle convinzioni (anche) di ripagare la moneta dei tradimenti di Rivera facendosi amanti le sue, di amanti, donna che ama le donne, riamata, con il monito che chi non ha mai provato a farlo non sa cosa si perde, così affronta la vita avversa che la incontra ogni momento. Poi c’è l’inevitabile epilogo, il commiato dalla terra, il saluto a una vita difficile ma piena, vestita come una sposa. Attorno a lei in questa messa in scena si muovono due figure femminili, la Pelona, la morte, che sul suo corpo dipinge la sua stessa arte, e che quasi la coccola dolce, inesorabile, interpretata dalla body painter Veronica Bottigliero, e la cantante Chavela Vargas, la sua ultima compagna di vita e amante, che le intona canti struggenti e penetranti di meloncolìa, straordinariamente intensi, suonati con passione, amore infinito, interpretata da Lavinia Mancusi. La regia di Gigi Di Luca compone e scompone, va dritta al sodo dell’anima di Frida e dei suoi variopinti pensieri, agile e definita. Frida Kahlo è Pamela Villoresi in una grande prova d’attrice, in un lamento esterrefatto e lancinante, meditativa e razionale, che fa della pittrice messicana un ritratto pieno di poesia che viene dal cuore e lascia strascichi per sempre, anche di desiderio mai assopito. Naturalmente, ed è giusto così, molti applausi del pubblico, e chiamate affettuose.

Francesco Bettin

Ultima modifica il Venerdì, 17 Dicembre 2021 09:56

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.