venerdì, 14 giugno, 2024
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / PHÈDRE, regia di Christophe Rauck al Théâtre Gerard Philipe, Saint Denis dal 6 Marzo al 6 Aprile 2014

PHÈDRE, regia di Christophe Rauck al Théâtre Gerard Philipe, Saint Denis dal 6 Marzo al 6 Aprile 2014

Cécile Garcia-Fogel in PHÈDRE, regia di  Christophe Rauck Cécile Garcia-Fogel in PHÈDRE, regia di Christophe Rauck

PHÈDRE,
de RACINE
mise en scène Christophe Rauck
Avec Camille Cobbi, Cécile Garcia Fogel, Flore Lefebvre Des Noëttes, Nada Strancar, Pierre-François Garel, Julien Roy, Olivier Werner
Scénographie Aurélie Thomas, Lumière Olivier Oudiou, Costumes Coralie Sanvoisin, Assistante Costume et Réalisation Peggy Sturm, Création Sonore David Geffard, Collaboration Chorégraphique Claire Richard
Construction Alain Denisse, Jean-Philippe Lamarque, Thibault Villalta
Peinture Gwenaëlle Dréan, Patricia Jouvencel, Valérie Valéro
Régie Plateau Rachid Bahloul, Pascal Lemoing
Saint Denis, Théâtre Gerard Philipe, dal 6 Marzo al 6 Aprile 2014

"Phèdre", l'amore che muore tra i guerrieri.

È uno dei testi teatrali più importanti della drammaturgia francese, dove si rielabora un mito sempre così moderno. La "Fedra" di Racine appare anche quest'anno nel cartellone di un teatro francese, il Théâtre Gerard Philipe di Saint Denis, dove il nuovo allestimento ha dimostrato ancora una volta che questo dramma è capace sempre di rimanere attuale ed efficace.
Celebre la trama, dove Fedra, sposata al Re di Atene Teseo, s'innamora follemente del figlio del suo sposo, Ippolito, che però non ricambia l'amore per la donna. D'altra parte il Re è in guerra e fino a un certo punto della pièce lo si dà per morto. Ma Teseo tornerà e ritroverà verso di lui, e inevitabilmente, molta freddezza. Il finale è tragico, visto che Ippolito troverà una morte eroica per mano di un mostro marino e Fedra si darà la morte con il veleno.

La scena è fissa ed è veramente suggestiva nel suo intento di essere allo stesso tempo ariosa e caustrofobica. La luce è piuttosto debole e sulla sinistra sono ammucchiate armi e armature per soldati e cavalli; sulla destra c'è un grande arazzo, anche questo in cui sono raffigurate grandi figure equestri. Il palazzo è quindi quello dei combattenti, è il palazzo che sta attendendo il ritorno dell'eroe Teseo, è il palazzo d'Ippolito, amante della guerra e dispregiatore delle donne. Non a caso il dramma si apre con il giovane che si esercita a tirare di spada vestito da schermitore. Il palazzo è però anche quello della bestialità – espressa nella figura del cavallo -, bestialità della guerra, certo, ma anche bestialità dell'amore, del desiderio di amare e di possedere l'amato. Come può respirare in un clima così guerriero una donna innamorata come Fedra? In effetti la donna è presa da una vera e propria follia, dalla follia del non poter vivere l'amore, ma anche da quella di essere circondata da armi e guerrieri che si disinteressano dell'amore e delle donne.
Certi elementi e costumi scenici ci riportano alla contemporaneità, come per esempio il costume da schermitore di Ippolito, mentre altri, come le armi e gli arazzi, ci fanno respirare un clima mitologico e "lontano".

Molto interessante è il frangente in cui vediamo l'entrata in scena di Teseo, che, vestito con la sua armatura da toro, "sfonda" con le sue corna il pavimento del palcoscenico, per poi portarsi sul palco stesso. Una scena inaspettata che mette in luce, ancora una volta, l'elemento eroico e fortemente virile dell'eroe.
Una messa in scena ben congegnata quella di Christophe Rauck, supportata dalla scenografia molto funzionale di Aurélie Thomas e da un cast di attori eccezionali. Sopra a tutti pongo la protagonista Fedra, Cécile Garcia-Fogel, sensuale e selvaggia, attenta a tutte le sfumature della sua gestualità e della sua dizione. Sì, è proprio lei Fedra, la regina innamorata e incompresa dall'eccessiva virilità degli eroi.

Stefano Duranti Poccetti


Ultima modifica il Mercoledì, 19 Marzo 2014 17:26

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.