venerdì, 30 luglio, 2021
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / SPOLETO FESTIVAL DEI DUE MONDI, Edizione 64 - "UOMINI E TOPI", regia Luigi Siracusa. -di Pierluigi Pietricola

SPOLETO FESTIVAL DEI DUE MONDI, Edizione 64 - "UOMINI E TOPI", regia Luigi Siracusa. -di Pierluigi Pietricola

Spoleto Festival dei Due Mondi 2021
UOMINI E TOPI
di John Steinbeck 

2 Luglio 2021

regia di Luigi Siracusa
ROCCA ALBORNOZ CORTILE INTERNO
con

Laurence Mazzoni Lennie
Lorenzo Ciambrelli George
Anastasia Doaga moglie di Curley
Davide Panizza Curley
Michele Ragno Candy

Giorgio Sales Crooks
Matteo Berardinelli Slim

Iacopo Nestori Carlson
scena Massimo Troncanetti

costumi Francesco Esposito

luci Pasquale Mari

musiche originali Luca Nostro

aiuto scenografo Marta Montevecchi

direttore di scena Alberto Rossi

sarta Valeria Forconi

fonico Akira Callea Scalise

La Rocca Albornoziana di Spoleto continua a stupire. Magia possibile grazie ai ragazzi dell’Accademia Nazionale Silvio d’Amico, che di spettacolo in spettacolo si cimentano in prove sempre più complesse, riuscendo ad ogni occasione a fronteggiare autori classici e contemporanei con intelligenza, originalità e quel tanto di leggerezza che mai guasta.
Stavolta è stato il turno di Steinbeck, Uomini e topi. Questo autore severo, impietoso, che descrive un certo tipo di società americana, le sue paure, i suoi limiti, le speranze che albergano nei cuori delle persone assieme alle delusioni: questo scrittore che dipinge orizzonti luminosi che si rabbuiano nel breve spazio d’una manciata di secondi, trasposto per le scene con la regia di Luigi Siracusa non perde la sua componente letteraria che, però, mai diviene elemento d’ostacolo per la scrittura drammaturgica.
La scena innanzitutto: un palco essenziale, illuminato da luci che tendono al rosso e al giallo. Dall’alto due tele lucide e trasparenti, messe una dietro l’altra con sopra raffigurati cieli nuvolosi che di tanto in tanto mostrano porzioni d’azzurro, calano guadagnando il centro del palco. Non occorre di più per rappresentare una nazione che offre alla sua gente un baratto ingiusto del sogno con sangue e sacrifici, lasciando spazi residui, ma nulli di fatto, alle speranze.
Gli attori che via via impersonano i personaggi di Steinbeck sono abbigliati in modo essenziale: giacche e pantaloni di colore arancione acceso; al posto della camicia, una canottiera bianca. Quanto basta ad impersonare, per via simbolica, il sudore e la fatica. Riscatto o emancipazione? Nemmeno l’ombra.
La vicenda disgraziata di due amici, George e Lennie, della condizione di quest’ultimo (uomo forte ma ritardato mentale), della sciagura in cui incorre (la morte, per sua inconsapevole mano, della moglie di Curley, proprietario del ranch in cui lavora insieme al suo compagno di sventure), infine l’uccisione di Lennie da parte di George così da risparmiargli una fine ancora più atroce: tutto questo è rappresentato e allo stesso tempo raccontato senza esagerazioni.
L’impostazione che Siracusa ha voluto imprimere al suo spettacolo si può riassumere così: non dar voce a scontati patetismi, ma semplicemente raccontare e senza imbrigliare i vari significati in immagini superflue.
Gli attori, nessuno escluso, hanno ben còlto questa chiave di lettura. A cominciare da Laurence Mazzoni, che tratteggia un Lennie vagamente fanciullesco, sensibile e innocente. Lo stile di Mazzoni è essenziale, non si perde in eccessivi dettagli; e con questa primaria strumentazione interpretativa, ecco emergere un personaggio archetipale, che può essere ciascuno di noi, in ogni epoca. Perché chi non coltiva un proprio desiderio da voler vedere un giorno realizzato?
Molto bravi Lorenzo Ciambrelli (George), Anastasia Doaga (la moglie di Curley) e Gabriele Cicirello (Crooks): precisi nei tempi recitativi e nell’uso della voce, sempre limpida e ben modulata.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Domenica, 04 Luglio 2021 06:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.