mercoledì, 22 settembre, 2021
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / ROMA OPERA APERTA CIRCO MASSIMO 2021 - "MESSA DA REQUIEM", direttore Myung-Whun Chung. -di Pierluigi Pietricola

ROMA OPERA APERTA CIRCO MASSIMO 2021 - "MESSA DA REQUIEM", direttore Myung-Whun Chung. -di Pierluigi Pietricola

Whun Chung Whun Chung

Messa da Requiem
Musica Giuseppe Verdi
Direttore Myung-Whun Chung
MAESTRO DEL CORO Roberto Gabbiani
SOPRANO Krassimira Stoyanova

MEZZOSOPRANO Daniela Barcellona

TENORE Saimir Pirgu

BASSO Michele Pertusi

Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera di Roma
Roma Opera Aperta Circo Massimo 2021 

Narrate, uomini, la vostra storia: fra i tanti ritratti riuniti in questo libro, Savinio ne dedicò uno a Giuseppe Verdi, che chiamò uomo quercia. Ascoltando la Messa da Requiem, magistralmente diretta da Myung-Whun Chung, non si può che condividere.
La musica di Verdi, per Savinio, “non è staccata dal mondo come le altre e sterile, ma plasmata e riplasmata con forti e grosse mani di rurale, impastata con gli elementi stessi della terra: il bene e il male della terra, il suo amore e il suo odio, la sua dolcezza e la sua crudeltà, la sua stupidità, la sua indifferenza, la sua pazzia”. Parole che descrivono perfettamente il Requiem verdiano. Non occorre neppure un aggettivo di più.
Da qui si comprende anche la ragione per la quale Savinio definì Verdi uomo quercia. Ad un primo ascolto, la sua musica non sembra dotata di leggerezza stendhaliana, cifra caratteristica di Rossini. Tutto pare non acquisire mai velocità. La musica di Verdi indugia, riflette, approfondisce. Quella di Rossini, al contrario, saltella e spicca il volo.
Ma non sempre le prime impressioni restituiscono l’oggettività dell’esperienza. Effettivamente Verdi è musicista che riflette e approfondisce, ma senza rendere asfittici i significati. La sua è una forma di leggerezza dissimulata in pesantezza, perché nulla di ciò viene espresso in note diviene pietra. Al contrario, ciò che Verdi trascrive sul pentagramma diviene, per magia, lieve e imprendibile.
In ciò risiede la qualità del suo Requiem: all’ascolto, la maestosità della metafisica, del culto religioso, delle metafore attraverso le quali l’Occidente ha raffigurato Dio assieme al suo immaginario: tutto questo c’è, ma non è mai preponderante. L’udito non è affaticato, gli animi mai sovrastati da tanta potenza. Si ascolta il Requiem alla stessa maniera con la quale si assiste all’eruzione di un vulcano: consapevoli della nostra impotenza; e, proprio per questo, affascinati da cotanto spettacolo. È ciò che, comunemente, viene chiamato sublime.
Myung-Whun Chung nella sua interpretazione del Requiem verdiano in scena al Circo Massimo, ha adottato una pulizia, una essenzialità, una misura rare. Gran parte dei direttori, soprattutto nel Dies irae, sbracciano e si agitano quasi a voler competere in spettacolarità con la musica. Myung-Whun Chung, invece, accenna, indica, suggerisce all’orchestra e al coro come dar vita a quelle note. Ne è risultato un Requiem greco, perfetto, senza eccessi. Eppure maestoso e passionale al contempo.
Il coro, magistralmente diretto da Roberto Gabbiani, ha ricreato un’atmosfera metafisica che rassomiglia, per colori ed intensità, all’oltretomba dantesco. Straordinari gli interpreti solisti. In particolare, il tenore Saimir Pirgu e il mezzosoprano Daniela Barcellona.
Disse Savinio: “Gli uomini più alti di mente, più straordinari di pensiero… si fermano stupiti e affascinati dalla pazzia dell’Universo: dalla pazzia di Giuseppe Verdi”. È ciò che si pensa dopo aver assistito al Requiem diretto da Myung-Whun Chung.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Martedì, 27 Luglio 2021 10:17

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.