domenica, 05 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Invasion USA. Idee e ideologie del Cinema Americano anni '80 - di Pier Maria Bocchi

Invasion USA. Idee e ideologie del Cinema Americano anni '80 - di Pier Maria Bocchi

Invasion USAPier Maria Bocchi
INVASION USA. IDEE E IDEOLOGIE DEL CINEMA AMERICANO ANNI '80
Edizioni Bietti, Milano, € 18.00, pp. 203
(CINEMA - Alberto Pesce)

Del cinema americano degli anni 80 Pier Maria Bocchi ha un'invidiabile capacità di saper riunire in una sorta di sistema autori e film anche tra loro diversi e articolarli all'interno di poetiche forti in collegamento con la sociocultura del tempo. Ma con Invasion USA non gli basta farne ampio quadro concentrandosi sul decennio, e verificarne complessità di immaginario lasciando alle spalle impostazioni del passato, e prescindendo da eventuali futuribili agganci.
Per questo, del cinema americano anni 80 Bocchi minuziosamente sonda "idee e ideologie", strutturandone riflessi in "un'ottica naturalmente e industrialmente patriarcale", anche con "film-luna park", magari "sequel di sequel", film di John Hughes, favolistico horror di Joe Dante, non senza discrasie e risvolti di crisi rispetto alla conservatrice impostazione "reaganiana". E sul piano dei generi e sottogeneri, ne coglie duplice prospettiva "sia come necessaria strategia popolare, sia come valvola di sicurezza", da commedia a thriller politico e film d'azione, da home video a courtroom dramma e new-horror specificandone specifiche modalità che trovano picco in quel "cenacolo del mercato di serie B e del cattivo gusto" che è stata la Cannon Films".
Ma prima di esemplificarlo con saggistiche schede di 20+1 film d' epoca, dal 1981 di Troppo belle per vivere, Spiccioli dal cielo e Ricche e famose al 1988 di La sottile linea blu, cintura discorso con due interrogativi capitoli. In prologo è un "America, da dove vieni?" per diffondersi panoramico sugli anni 70 improntati al "reaganomics" e "inesauribili performance commerciali" ma anche, da Robert Altman a Arthur Penn, autoriali nuovi modi di sentire e di vedere, e in epilogo un "America, America, dove vai?" per marcare slittamenti di autori, "segni di cambiamento" all'interno dei generi, strascichi di "memoria, per giunta da dimenticare".

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 30 Novembre 2016 08:42

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088