sabato, 30 maggio, 2020
Sei qui: Home / E / ELEKTRA - regia Manfred Scheigkofler

ELEKTRA - regia Manfred Scheigkofler

Elektra Elektra Regia Manfred Scheigkofler

di Richard Strauss
direttore: Gustav Kuhn, regia: Manfred Scheigkofler
concetto scenografico: Hans-Martin Scholder, scene: Michele Olcese, costumi: Violeta Nevenova, luci: Andrej Hajdinjak
con Anna Katharina Behnke, Maida Hundeling, Mihaela Binder
Ungureanu Orchestra Haydn di Bolzano e Trento Orchestra Regionale dell'Emilio Romagna
Coro del Teatro Municipale di Piacenza
Bolzano, Teatro Comunale, 15 e 16 gennaio 2010

Corriere della Sera, 20 gennaio 2010
L'«Elektra» di Kuhn severa e da manuale

BOLZANO - La profondità del palcoscenico è preclusa perché lorchestra di Elektra è troppo vasta per stare in buca. Perciò il nuovo allestimento dellopera di Strauss prodotto dai teatri di Bolzano, Modena, Ferrara e Piacenza sfrutta la verticalità, laltezza. Su, in cima, è il regno del potere e dellintrigo; giù, la buca, è un covo di fantasmi che non danno tregua a quelli come Elettra, che stanno in mezzo, sospesi tra due mondi. È un impianto scenico rigido, severo, ideale nel dare lidea sia dellaria mefitica che si respira nel claustrofobico palazzo degli Atridi sia della geografia dei rapporti che intercorrono tra i membri della disgraziata famiglia. Ma la regia di Manfred Schweigkofler non gioca solo su questo. Costumi e recitazione presentano Clitemnestra come una dama che affoga la paura nello champagne e nei vacui rituali da salotto cafone; Crisotemide come donna irrimediabilmente segnata dal dolore e dalla violenza. Non sarà lei la sposa pronta a partorire figli; la sposa, a vendetta compiuta, sarà quel fascio di nervi di Elettra ricongiunta nella morte al padre come Isotta a Tristano. Nella Tetralogia Siegmund e Sieglinde si riconoscono fratelli e generano Siegfried, qui Elettra e Oreste si riconoscono per prolungare la spirale di morte e vendetta. Le teorie possono dimostrare il contrario ma Wagner è onnipresente in questo Strauss. E ciò lo dice benissimo anche lispirata direzione di Gustav Kuhn a capo delle orchestre congiunte Haydn di Trento e Bolzano e Regionale dellEmilia Romagna. Ha avuto qualche passaggio stanco, Kuhn, nella sua carriera, ma in questi anni è ritornato lui, un direttore capace, sensibile, perfettamente consapevole degli effetti sia drammatici sia lirici prodotti da ogni suo minimo gesto. Il cast, presto in scena anche nei teatri emiliani, non ha nulla da invidiare a quelli di teatri più sovvenzionati. Thomas Gazheli è un Oreste un po timido e Michela Sburlati una Crisotemide acerba, ma Anna Maria Chiuri dà vita a una Clitemnestra carismatica, piena di forza tragica, e Anna Katharina Behnke, in virtù di un declamato vibrante ma sempre morbido, a un' Elettra da manuale.

Enrico Girardi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 10:33
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.