mercoledì, 25 novembre, 2020
Sei qui: Home / A / AMERIKA - regia Maurizio Scaparro

AMERIKA - regia Maurizio Scaparro

"Amerika", regia Maurizio Scaparro "Amerika", regia Maurizio Scaparro

di Franz Kafka
traduzione e adattamento Fausto Malcovati
regia Maurizio Scaparro
scene Emanuele Luzzati riprese da Francesco Bottai
costumi Lorenzo Cutoli
musiche eseguite da Alessandro Panatteri, Andy Bartolucci e Simone Salza
movimenti coreografici Carla Ferrara
con:
Giovanni Anzaldo, Ugo Maria Morosi, Carla Ferraro
e Giovanni Serratore, Fulvio Barigelli, Matteo Mauriello
Produzione Compagnia Gli Ipocriti con Fondazione Teatro della Pergola di Firenze
Milano, Teatro Menotti dal 5 al 15 febbraio 2015

www.Sipario.it, 7 febbraio 2015
Un'onirica e raffinata "Amerika"

Romanzo giovanile di Franz Kafka (Praga 1883 – Lierling 1924) scritto tra il 1911 e il 1914, rimasto incompiuto (inizialmente è pubblicato il primo capitolo come racconto con il titolo Il fochista) e intitolato Il disperso (Der Verschollene), è stampato postumo nel 1927 con il nome di Amerika da Max Brod, amico ed esecutore testamentario dello scrittore.
Primogenito di una famiglia ebraica askenazita di madrelingua tedesca della media borghesia, laureato in giurisprudenza e procuratore, Kafka partecipa alle lotte politico-sociali simpatizzando per l'anarchismo e i movimenti cechi di liberazione dal kaiser. Dedicatosi alla scrittura, connota le sue opere di un'aura di smarrimento e angoscia che tocca a latere anche Amerika, uno dei più allegri e spensierati lavori per il quale pare avesse in previsione un finale ottimistico.

Fantasiosa la storia - anche perché Kafka viaggia poco e non è mai andato in America pur evidenziandone in modo intuitivamente sagace contraddizioni e prorompente vitalità - che descrive le tribolate avventure e le sofferte peregrinazioni di Karl Rossmann ('uomo-cavallo' come scherzosamente traduce il suo cognome), un giovane ebreo boemo 'spedito' a sedici anni dalla famiglia lontano da Praga e costretto a diventare emigrante nel Nuovo Mondo per essere stato sedotto dalla cameriera (più anziana di lui) che ha dato alla luce un bambino.

Emblema dell'esule carico di sogni e speranze di ieri e di oggi, con l'America del passato che si assimila all'odierna Europa o a qualsiasi terra vagheggiata da emigranti, Karl si rivela innocente, ingenuo, credulone, onesto, inesperto, allegro, gioioso, fiducioso e capace di perdonare e finisce per lasciarsi sfuggire un'occasione 'positiva' rappresentata da un ricco zio divenuto newyorchese e totalmente privo di fantasia e di tollerante comprensione, ma disposto a fare di lui un impomatato signorino borghese. Riparte ramingo alla ventura in un mondo multiculturale, spregiudicato e ricco di opportunità con in tasca coraggio e tanta speranza di costruirsi un futuro migliore e nessun aculeo contro gli imbroglioni.

Nella multidisciplinare interpretazione scaparriana fedele al testo kafkiano - in cui le atmosfere musicali dell'epoca sono ben rese da un'orchestra di tre elementi che allieta gli spettatori con eleganti musiche ispirate alla cultura yiddish della vecchia Europa e al jazz nero di Scott Joplin (adattate da Alessandro Panatteri) e la scenografia essenziale e pratica è composta da simboliche porte-quinte che di volta in volta assumono la funzione di delimitare spazi diversi - si muovono cinque validi attori che rivestono ciascuno ruoli differenti (come il bravo Ugo Maria Morosi interprete di più voci e personaggi) intorno alla figura del protagonista, il bravissimo e convincente Giovanni Anzaldo capace di connotare il suo sfortunato personaggio di calda e simpatica umanità.

Uno spettacolo piacevole e raffinato che attenuate le oscure ombrosità kafkiane ne restituisce un gradevolissimo effetto onirico interpretandone il giovanile slancio.

Wanda Castelnuovo

Ultima modifica il Domenica, 08 Febbraio 2015 01:34

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.