sabato, 08 agosto, 2020
Sei qui: Home / Attualità / Racconta una Storia / (RACCONTA UNA STORIA) - "IL TRAMONTO DEI TIMORI" di Giulia Campinoti

(RACCONTA UNA STORIA) - "IL TRAMONTO DEI TIMORI" di Giulia Campinoti

IL TRAMONTO DEI TIMORI

di Giulia Campinoti

Stefano attendeva in gloria la riapertura del suo bar estivo preferito: lo chiamava, dentro sé, il suo angolo di mondo, perché ordinava il solito drink al bancone, sollevando da manuale l’indice sinistro assieme alle iridi verdi. Il venerdì sera, al calasole, si assicurava il posto prediletto per gustarsi il consueto Hugo dinanzi a un panorama spettacolare. Da Salivoli, seduto sopra al medesimo sgabello alto e rosso, Stefano poggiava le braccia conserte sul legno massello, e lo sguardo si perdeva dritto nel mare agitato e, talvolta, sembrava di sfiorare le guance dell’Isola d’Elba. Il moro dai ricci selvaggi, si sentiva fortunato a potersi concedere un lussuoso aperitivo, con un paesaggio stupendo, proprio in città. Il primo sorso andò giù subito e, nel frattempo, si mise a studiare l’elegante calice trasparente intrecciato nella mano sinistra. I cubetti di ghiaccio, sottoposti alle scosse, scivolavano qua e là; lui, da qualche anno, era diventato uguale: il brio della libertà, fuso con l’amarezza del fallimento, sintetizzava una potente sostanza paralizzante. Al secondo assaggio, lo sguardo tallonò una bionda mozzafiato, facendogli quasi staccare la testa dal collo, e rischiando un serio soffocamento. Lei, facendo finta di nulla, si accomodò allo stesso pianale, un po’ a distanza. Una parte di Stefano, fremeva per l’intraprendenza e l’invito a una degustazione alcolica in coppia, invece l’altra lo spronava alla nullafacenza, ancorandolo al panchetto di plastica. La solitudine dei trent’anni l’aveva complicato, rendendolo un bruco inquieto, al sicuro nel bozzo, eppure anche ancestralmente desideroso di evolversi in coraggiosa farfalla. Al terzo assaggio, Stefano trasalì: la bionda si era avvicinata, e adesso lo guardava intensamente; gli si accostò ancora, afferrandogli il colletto basso della giacca.
«Buttati!» gli sussurrò, fissandogli le labbra.
«Mi salverai dalle mie paure?» chiese lui, col cuore in gola.
«Scoprilo!» lo incitò lei e Stefano, allora, la baciò.
Il sole si immerse lento negli abissi marini, le dita si intersecarono fra capelli arruffati, le labbra si cercarono e, nella notte di Piombino, una farfalla nascitura spiccò il volo, lasciando per sempre le sabbie mobili.

Ultima modifica il Martedì, 30 Giugno 2020 19:16

Video

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.