venerdì, 29 maggio, 2020
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Racconta_una_storia
Giovedì, 28 Maggio 2020
Pubblicato in Racconta una Storia

CLIVIA

di Antonella Esposito

Ciao,
ti va di parlare?
Scusa non dico il nome, ho i miei motivi… Va bene?
Comunque credo di essere carina, tu come sei ?
Un tizio una volta ha detto che sono grassa, ma a me non sembra …no, non sono grassa!
Comunque io resto a casa.
Tu?
Si lo so che ora si puo’ uscire ma io no.
Tu?
No, io non mi ricordo, credo che sono a casa da 60 giorni..… si si forse di più…
Forse molto di piu’, forse non sono mai uscita, forse prima era un film. Va beh..
Tu?
..Come ero da piccola?
Mi piaceva giocare con l’acqua, e mi piaceva l’aria. Mi riempivo d’aria fino all’ultimo spazietto possibile e poi buttavo tutto fuori e mi veniva da ridere.
No! Lo smog non lo sopporto mi viene la tosse, divento grigia, tutta grigia.
Comunque io a casa faccio un sacco di cose.
Tu?
Ho la tv, il computer, il cellulare.. e li accendo tutti insieme.
Poi mi muovo, mi sposto vado in tutte le stanze.
Tu?
Io mi trovo meglio dove c’è il sole, anche se è filtrato dai vetri dico, anche se piove…
Se la finestra è aperta odoro tutto anche le stagioni, bello!
Lo sai che è quasi estate?
Mi senti?
..“Io non voglio uscire”.
“Io Non voglio uscire più!”.
Hai sentito?
In casa è tutto amplificato.. la gioia, la malinconia, il freddo, il caldo, fuori c’è troppo rumore.
Io ormai ho il mio equilibrio, mi sento tutt’uno con la casa…Io non voglio cambiare.
Se vado fuori, non lo so che succede… ....e se mi calpestano?

Tu che fai?
Stai a casa?!
Sai che ho scoperto? che senza le scarpe sto meglio!
Ho sentito dire che molti provano quello che provo io, tu no?
Se vuoi, ci confrontiamo ci facciamo una foto in casa e la postiamo….. va bene?
Lo sai come la chiamano?
La sindrome del prigioniero.
A me fa ridere, prima dicono che dobbiamo stare a casa e poi.. che dobbiamo uscire, è strano…
Dicono che questa cosa la provano quelli ansiosi, insomma quelli fragili che non vogliono cambiare.
Si forse è vero, hanno ragione sono un po’ ansiosa.
Hanno ragione loro, evidentemente se hanno studiato .. e se dicono che poi mi passa e che poi voglio uscire …mi fido.
Solo che io…
... mi senti?
Io non sono più sicura di niente!
Io credo di essere una pianta .. ma non lo so.
Prima di questo virus in casa stavo ferma solo io… poi non lo so, sono stati fermi tutti e non ho capito più niente.. se loro sono piante e io una persona… non lo so.
Io?
Io mi sento una pianta, una pianta da appartamento.
Tu?
Io sono una clivia!
..e comunque avevo ragione io non sono grassa…sono semi grassa, una pianta semigrassa!
Tu? Chi sei?
Senti.. ma secondo te anche se sono una pianta devo uscire…
No? Dici di no….
Meno male!
Allora sono una pianta, ne sono certa!
Sono una clivia ho i fiori arancioni, diglielo tu a quelli della televisione, e pure a quelli a casa mia.
Diglielo tu: Io sono una pianta parlo attraverso i fiori, ho i fiori arancioni.
Diglielo tu…
Va bene?
Grazie!
Ciao.

Lunedì, 25 Maggio 2020
Pubblicato in Racconta una Storia

LA NEVE DEL PERDONO

di Vittorio Russo

Le otto in punto e in giro non c’era quasi più nessuno. La neve, come non se ne vedeva da anni, aveva svuotato la città e ne stava lentamente sfumando i contorni. E aveva attutito anche il rumore della metro, la cui ultima corsa si era conclusa prima del previsto quella sera. Una sera senza data di un inverno qualunque. 

Gli ultimi passeggeri attraversarono il piazzale della stazione e gli camminarono accanto, ognuno ignorandone la presenza. Come fosse un fantasma, o un insignificante elemento dell’architettura urbana. Ardo era lì, raccolto in un plaid ormai logoro e seduto ai bordi del marciapiede, da un po’ di mesi sua residenza, sua poltrona e suo letto. Come era solito fare, stava osservando le scarpe dei passanti. Le guardava tutte e se c’era un paio che lo colpiva, ecco che iniziava a fantasticarci su, chiedendosi quanta strada quelle suole avessero percorso, quali posti avessero visitato e che tipo di persona fosse colui o colei che le indossava. Un gioco insegnatogli dal padre e ora utile a riempire i vuoti di una vita da clochard, trascorsa poco più in là di una vecchia libreria e sempre con la sensazione che il tempo scorresse a rilento e, certe volte, anche che si fermasse del tutto. Dal canto suo, Ardo provava in ogni modo a tenersi impegnato: dai cruciverba alla lettura, da lunghe passeggiate a sieste interminabili. E quella sera, con la neve che copriva di bianco la città e poche, pochissime scarpe da scrutare, dormire era la sola cosa che potesse fare. Spinse al muro il bagaglio fatto di poche cose, vi posò all’interno il cartone con scritto “Venti cent per voi non sono nulla, per me sono la vita”, con il quale tentava di racimolare qualche spicciolo, e si stese sul marciapiede. Si guardò intorno per un po’, poi chiuse gli occhi e disse: «Chiunque tu sia, Signore, donami un sogno stanotte. Concedimi un’immagine, una qualunque, purché sappia di felicità».

«Smettila di leggere e abbracciami» gli disse Sandro.
Ardo non esitò: si voltò e lo strinse a sé. «Allora, di cosa parla questo libro?»
«È una raccolta di poesie d’amore. C’è Byron, Emily Dickinson, Keats, Neruda e anche Auden».
«La più bella finora?» domandò Sandro. «Forse, proprio una di Auden, s’intitola Blues in memoria». «Leggimela!»
Ardo rimase di stucco, poi prese libro: «[..] Era il mio Nord, il mio Sud, il mio Est e l’Ovest, la mia settimana feriale e il mio riposo domenicale, il mio mezzodì, la mezzanotte, il mio discorso, il canto; Pensavo ch’amore fosse eterno […]». Sandro lo interruppe: «Tre mesi insieme e non ricordo più come fosse la mia vita prima d’incontrarti». Sospirò, «Ti amo, Bernardo» e abbassò lo sguardo. «Ti amo anch’io», ribatté lui con un filo di voce.

Quella notte, sullo scomodo marciapiede, Ardo sognò il primo “Ti Amo” di Sandro, l’uomo che gli aveva insegnato l’amore e che, per vanità, aveva poi tradito. Aveva rinunciato a tutto pur di stare con lui, alla sua città, al lavoro e alla famiglia, refrattaria all’idea di un figlio omosessuale. «O lui, o noi» gli avevano detto i genitori. E così, perso Sandro, ad Ardo non rimase che qualche euro e…la strada. Gli amici? Era troppo orgoglioso per tornare da loro, da sempre contrari alla sua scelta di mollare tutto per un uomo.
Le luci dei lampioni erano ancora accese quando Ardo si svegliò. Si alzò e si scoprì più sereno dei giorni precedenti. Pensò fosse merito del sogno, o della neve che aveva messo a tacere tutto, anche la sua tristezza. Si incamminò, allora, verso i bagni pubblici e solo in quel momento si accorse di un uomo che guardava nella sua direzione. Ardo si pietrificò, «È solo una suggestione» disse tra sé e continuò a non muoversi. Fu l’uomo ad andargli incontro e, a due passi l’uno dall’altro, asserì: «Ti ho trovato, finalmente».
Era Sandro. 

«Ti ho perdonato» disse ad Ardo e gli consegnò il suo libro di poesie. «Torna a casa con me». 

Si guardarono a lungo, senza dirsi nulla. Poi, s’incamminarono insieme. 

Mano nella mano.

Pagina 1 di 5

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.