mercoledì, 07 dicembre, 2022
Sei qui: Home / S / SEVEN FINGERS (THE) "TRACES" - coreografia varie

SEVEN FINGERS (THE) "TRACES" - coreografia varie

The Seven Fingers -"Traces" The Seven Fingers -"Traces" Coreografia varie

di: cofondatori e direttori artistici Shana Caroll, Isabelle Chassé, Patrick Léonard, Faon Shane, Gypsy Snider, Sébastien Soldevila, Samuel Tétreault
Produzione: Les 7 doigts de la main - Centre National des Arts d’Ottawa con il sostegno del Conseil des Arts et Lettres du Québec e del Conseil des Arts du Canada
Interpreti: Antoine Carabinier-Lépine, Jonathan Casaubon, Gisle Henriet, Geneviève Morin, Julien Silliau.
Trieste, Politeama Rossetti 5 gennaio 2011

www.Sipario.it, 18 gennaio 2011

Acrobati, street performers, ballerini… è difficile definire gli artisti della compagnia canadese “The seven fingers / Les 7 doigts de la main”. Sono cinque giovani che stupiscono con l’istintività, il modo di essere naif, l’espressione atletica irruente dei corpi ma anche l’intimità poetica delle confessioni. Sembrano essere semplicemente se stessi anche se si muovono su un palcoscenico dalle atmosfere apocalittiche, un rifugio suburbano costituito da tele, nastro adesivo, arredi improvvisati per fuggire da una catastrofe annunciata. Il loro spettacolo intitolato “Traces” ha fatto ormai con successo il giro del mondo: un’esibizione singolare, che presenta sempre qualcosa di irrisolto, di non finito, proprio come un fluire libero di emozioni. Composto da scene volutamente irrelate, in cui si alternano danza, disegno, musica, poesia, canto e soprattutto acrobazie di alto impatto, descrive forse i momenti estremi di vita di questi ragazzi (Antoine Carabinier-Lépine, Jonathan Casaubon, Gisle Henriet, Geneviève Morin, Julien Silliau). L’imperativo è quindi esprimere al massimo la propria essenza, agire con determinazione per affermare per l’ultima volta se stessi. E ciò avviene attraverso lo svolgimento di azioni abituali come giocare a basket, raccontare esperienze vissute, correre sullo skateboard, leggere un libro, suonare il pianoforte. Azioni però che, ben presto, virano verso la fantasmagoria, l’improbabilità, la sorpresa, annientando qualsiasi aspettativa del pubblico. Tutto diventa allora magico, se esperito da loro, urgente, vibrante, come in un circo che incontra la quotidianità. I loro movimenti veloci sfidano l’agilità e l’equilibrio, usando specialmente aste e cerchi di metallo per cimentarsi in salti mortali e contorsionismi di grande abilità.
Il gioco, l’illusione, la plasticità di cui è capace la figura umana prende il sopravvento, dileggiando la gravità e la quiete e inneggiando ad un infinita energia che ciascuno sa trovare dentro di sé per manifestarla sia singolarmente, sia in un afflato corale di indomito dinamismo.

Elena Pousché

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 10:09
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.