venerdì, 12 agosto, 2022
Sei qui: Home / Teatro / SAMUEL BECKETT. QUADERNI DI REGIA E TESTI RIVEDUTI. “ASPETTANDO GODOT”. Edizione critica di James Knowlson e Douglas McMillan. A cura di Luca Scarlini.

SAMUEL BECKETT. QUADERNI DI REGIA E TESTI RIVEDUTI. “ASPETTANDO GODOT”. Edizione critica di James Knowlson e Douglas McMillan. A cura di Luca Scarlini.

Samuel Beckett: Quaderni di regia e testi rivedutiSAMUEL BECKETT. QUADERNI DI REGIA E TESTI RIVEDUTI. “ASPETTANDO GODOT”.
Edizione critica di James Knowlson e Douglas McMillan. A cura di Luca Scarlini.
Imola, Cuepress, 2021
pag. 453 Euro 54,99 
(TEATRO - Gigi Giacobbe)

Samuel Beckett ha fatto quel che ha voluto del suo Aspettando Godot dopo essere andato in scena la prima volta nel gennaio del 1953 al Théâtre de Babylone di Parigi con la regia di Roger Blin, Anche quello di dirigerlo personalmente in tedesco (col titolo Waten auf Godot) il 7 marzo 1975 allo Schiller Theater di Berlino e dopo quasi dieci anni (nel 1984), quando sulla soglia dei 78 anni di età, su invito dell’amico Rick Cluckey, accetta di fare la regia nel carcere di San Quintino, dirigendo gli attori del San Quentin Drama Workshop. Il prezioso volume rivolto non soltanto agli addetti ai lavori, pubblicato dalla Cuepress e curato da Luca Scarlini con gli interventi critici di James Knowlson e Douglas McMillan, riproduce non solo il testo riveduto di Aspettando Godot corredato di 2602 note, ma anche la copia anastatica dell’originale documento, detto il “quaderno rosso” per via della copertina d’identico colore, su cui sta scritto a mano di Beckett “Godot Berlin 75 II”. Le note sono scritte con inchiostro nero su paginette a quadretti con molte aggiunte e modifiche apportate in penna rossa durante le prove e qui riprodotte in grassetto. Spiccano parole cancellate, ugualmente leggibili, disegnini dello spazio scenico indicando con le sole iniziali dei personaggi i loro nuovi spostamenti, mentre un numerino in alto rimanda alle note di regia inserite nell’ultima parte del rocambolesco volume che sarebbe molto piaciuto a Jorge Luis Borges. Pare che Beckett ogni volta che metteva mano al suo testo operasse cambianti significativi, aggiungeva levava modificava interi brani, comprese le didascalie, movimenti e gesti degli attori in scena. Come esempio vale l’incipit della pièce in cui Estragone da solo sul palcoscenico, seduto su una pietra sta cercando di togliersi uno stivale, dicendo: «Niente da fare», mentre Vladimiro si trova fuoriscena in penombra accanto all’albero. Beckett cambiò radicalmente questo inizio sia a Berlino che al San Quintino, tenendo i due vagabondi in scena, inseparabili sin dal primo momento. Il secondo cambiamento è stato quello di creare momenti d’attesa, durante i quali i personaggi restano immobili e silenziosi. Momenti chiamati da Beckett tableau statici, ripetuti strategicamente dodici volte nel corso dello spettacolo giusto per fornire allo spettatore la pressante realtà del silenzio e dell’attesa. Le note che accompagnano Aspettando Godot, in un continuo passaggio da una lingua all’altra (francese, inglese e tedesco), si caricano “di segreti leitmotiven come voleva la lezione di James Joyce”, argomenta Scarlini, con Beckett che diventa anche regista della sua opera, “affrontando con piglio assai personale lo specifico della radio e della televisione,”. Si individuano nel testo riveduto dei cambiamenti che danno maggiore vitalità e umorismo ai dialoghi con netti rimandi al varietà o al circo, resi evidenti, ad esempio, allorquando arrivano in scena Pozzo e Luky e sia Estragone che Vladimiro confondono il nome di Pozzo con Bozzo, tagliando l’uno le battute dell’altro mentre si tolgono il cappello come facevano Stan Laurel e Oliver Hardy nelle loro comiche. Insomma questi Quaderni di regia di Beckett, chiarisce James Knowlson, possono illuminarci su alcuni temi dell’opera in cui la parola chiave è “forse”: come quando Estragone e Vlamidiro dicono d’impiccarsi ma non lo fanno o quando bofonchiano di lasciare quel luogo ma non ci riescono, speranzosi sempre che possa giungere Godot. Anche alla fine non si muovono, stanno fermi sul palco, sebbene il Ragazzo abbia detto loro che quella sera Godot non sarebbe arrivato. Tutto è incerto, come la vita, come quando i due beniamini non riconoscono, nel secondo atto, Pozzo e Luky e lo stesso Ragazzo non li riconosce in nessuna delle sue due visite. Vi sono altri due esempi cruciali, aggiunge ancora Knowlson, che ci rimandano alle immagini della crocifissione, non si sa se intenzionale da parte di Beckett, lì dove i corpi di Pozzo e Luky cadendo a terra formano una croce e Vladimiro e Estragone si ritrovano spesso ai lati dell’albero con netti richiami alla croce. “Quello che posso dire, dice in conclusione Scarlini, è che le due produzioni di Beckett allo Schiller Theater e al San Quintin, furono due delle più belle produzioni di quell’opera che abbia mai visto”.

Ultima modifica il Martedì, 28 Giugno 2022 21:08

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.