mercoledì, 29 giugno, 2022
Sei qui: Home / Teatro / Innamorate dello spavento di Massimo Sgorbani

Innamorate dello spavento di Massimo Sgorbani

Innamorate dello spavento di Massimo SgorbaniMassimo Sgorbani
INNAMORATE DELLO SPAVENTO
Titivillus, pagine 144, euro 11,05

Si può Innamorarsi dello spavento, si può. Ed è quanto raccontano con poetica e straziante drammaticità Blondi, Eva e Magda e lo spavento di Massimo Sgorbani, tre testi di assoluto nitore e che raccontano il fascino che può esercitare il male. Lo 'spavento' non è altro che Adolf Hitler, ad essere sedotte sono il cane Blondi, Eva Braun, e Magda, moglie di Goebbels, che condivise col capo del nazismo il suicidio finale. Blondi nasce dall'osservazione delle fotografie che ritraggono Hitler, Eva Braun e il loro pastore tedesco, probabilmente Blondi. Immagini di una normalità sconcertante se messa in relazione con ciò che Hitler ha rappresentato per la storia del Novecento e per la storia in generale. Ecco allora che Blondi è il flusso di coscienza canino di una fedeltà sensibile «trascrizione del sentire di una bestia che percepisce la realtà e si mette in rapporto con questa sul piano della materia e dei cinque sensi – si legge nell'introduzione firmata da Roberto Canziani -. Ama il suo padrone in una forma di sottomissione biologica e comportamentale che nasce dal suo essere cane». Blondi messo in scena con acume e intelligenza da Renzo Marinelli e interpreato da una sempre ottima e intensa Federica Fracassi è un esempio di drammaturgia scritta con cercello e cuore, ricca di eco poetiche e di pensiero. In Eva la Braum interloquisce con Mami di Via col vento, ne fuoriesce una commistione di suggestioni al femminile che trasformano la moglie di Hitler in una inedita e inquietante Rossela o'Hara. Chiude la trilogia di Innamorate dello spavento Magda, testo dedicato alla moglie/sacerdotessa di Goebbels che immolò se stessa e i figlia al culto del Fhurer, all'amore per il capo, per Hitler. Terrificante come l'atto di una madre che uccide i suoi figli. Innamorate dello spavento è un pugno allo stomaco senza retorica e con un surplus di poesia che toglie il fiato.

Nicola Arrigoni

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Maggio 2014 18:54
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.