giovedì, 17 ottobre, 2019
Sei qui: Home / D / DON PASQUALE - regia Andrea Cigni

DON PASQUALE - regia Andrea Cigni

"Don Pasquale" regia Andrea Cigni "Don Pasquale" regia Andrea Cigni

opera buffa in tre atti
libretto di Giovanni Ruffini
musica di Gaetano Donizetti
regia di Andrea Cigni, scene e costumi di Lorenzo Cutùli
light designer Fiammetta Baldisserri, direttore Christopher Franklin
con Paolo Bordogna (Don Pasquale), Maria Mudryak (Norina), Pietro Adaini (Ernesto), Pablo Garcia Ruiz (Malatesta)
Orchestra I Pomeriggi musicali di Milano, Coro OperaLombardia
maestro del coro Diego Maccagnola
allestimento di Opéra Théâtre de Clermont Ferrand, Opéra de Reims, Opéra Théâtre de Limoges,
Opéra de Rouen Haute Normandie, Opéra Théâtre Sant étienne, Opéra de Massy,
Opéra Grand Avignon, Opéra de Vichy, Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi

riallestimento a cura di Opera Lombardia
a Cremona, al teatro Ponchielli, 19 novembre 2015

www.Sipario.it, 25 novembre 2015
Un'enorme cassaforte come casa del vecchio Don Pasquale che assomiglia un po' a Scrooge del Racconto di Natale di Charles Dickens, Norina fa il verso a Marylin Monroe e il dottor Malatesta è un dandy gay friendly: sono questi alcuni dei tasselli del Don Pasquale coloratissimo e comicissimo di Andrea Cigni. Fuori dai denti, capiterà ancora raramente di potere apprezzare un allestimento simile per complessità scenica e raffinatezza esecutiva nel pur lodevole circuito di OperaLombardia. Don Pasquale di Donizetti – ripreso dal circuito lombardo – è infatti nato in Francia e in Francia ha goduto di non pochi elogi da parte di critica e pubblico, oltre che di un budget produttivo importante. La storia di Don Pasquale che fa di tutto per mantenere il proprio patrimonio, vede il vecchio taccagno imporre al nipote Ernesto una donna da lui scelta come sposa, quando il giovane è in realtà innamorato di Norina. Davanti al rifiuto deciso di Ernesto di sottostare alle volontà dello zio, Don Pasquale lo disereda, ma - complice la regia del dottor Malatesta - il vecchio don Pasquale si troverà a sposare Norina sotto false sembianze e poi a ripudiarla perché attentatrice al suo patrimonio con spese dissennate. Il lieto fine ovviamente è di rigore per pace dei giovani amanti e tranquillità del taccagno don Pasquale. Su questa vicenda che vive della tradizione del teatro comico da Plauto su su fino alla Commedia dell'Arte e oltre, Andrea Cigni costruisce uno spettacolo di rara raffinatezza, in cui i personaggi sono connotati comicamente fino alla caricatura, ma con la capacità di stare quel passo indietro necessario perché nell'eccesso non si cada mai nel cattivo gusto, tutto si tiene con magica leggerezza e un gusto per il bel teatro e il divertimento che raramente capita di vedere e godere. Metallico e spento è il mondo di Don Pasquale, tanto è colorato, sgargiante quello di Norina, Ernesto e il dottor Malatesta. Norina compare dondolandosi su una corona di fiori, leggendo Vogue col ritratto di Berlusconi sullo sfondo di un cielo azzurro, Ernesto è un dandy anni Cinquanta con scarpette e racchetta da tennis e maglioncino scollato a V, il dottor Malatesta è un dandy con cappottone blu elettrico, bombetta. Il contrasto fra il mondo in cassaforte di Don pasquale e quello en plein air dei giovani innamorati è parallelo a quello che oppone i vari personaggi offrendo al pubblico una coerenza analitica e una mappatura visiva che non solo rassicura, ma permette di lasciarsi andare, gioire delle gag, della comicità da applauso che Don Pasquale suscita fra colombe che volano, farfalle, cambi scena che puntano sullo stupore divertito di chi assiste, ma evidentemente anche di chi le ha concepite: il regista Andrea Cigni e lo scenografo Lorenzo Cutùli. Tutto il cast vocale ben si adegua al disegno registico, mostra buone doti attoriali, oltre che solide capacità vocali che danno a questo Don Pasquale in stile francese ma con gusto italiano una sua compattezza e coerenza estetica che conquistano e ridanno all'opera buffa il suo smalto e obiettivo: far ridere, divertire e alla fin fine regalare una serata piacevole di musica e teatro come devono essere. Chapeau!

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Dicembre 2015 22:23

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.