martedì, 28 giugno, 2022
Sei qui: Home / T / TRAVIATA (LA) - regia Cristina Mazzavillani Muti

TRAVIATA (LA) - regia Cristina Mazzavillani Muti

La traviata La traviata Regia Cristina Mazzavillani Muti

di Giuseppe Verdi, direttore: Patrick Fournillier
regia: Cristina Mazzavillani Muti, scene: Italo Grassi, Vincent Longuemare, costumi: Alessandro Lai
con Irina Dubrovskaya / Loukia Spanaki, Francesco Malapena / Andrea Carè, Nicola Alaimo
Ensemble di Micha van Hoecke
Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna, Coro del Teatro Municipale di Piacenza
Ravenna, Teatro Alighieri, dal 13 al 21 giugno 2008

La Stampa, 18 giugno 2008

E la signora Muti fa morire Violetta
in un labirinto di luce

E' una Traviata completamente astratta quella del Ravenna Festival con la regia di Cristina Mazzavillani Muti e la direzione di Patrick Fournillier. Via gli arredi, via il coro che nelle feste è collocato ai lati del proscenio e nei palchi, statica presenza come quella della tragedia greca: nulla di più antiverdiano, perché tutto in Verdi è movimento, ma funzionale all'idea della regia, che vuole esaltare il dramma di Violetta , isolandolo nella dimensione di un mito tragico in chiave moderna.

La musica regge bene questa trasposizione e dimostra la propria capacità di espressione universale. Le luci la realizzano, con l'inventiva e la tecnica consumata di Vincent Longuemare, autore delle scene con Italo Grassi: lame di luce trafiggono la scena, sfumano e si trasformano in diversi colori, creano ambienti e atmosfere morali. Un gioco di specchi isola Violetta in un labirinto interiore; lo spazio è anche eco che si trasforma attraverso discrete manipolazioni elettroacustiche. La suggestione, specie nell'ultimo atto, dove la recitazione, incerta all'inizio, migliora, ha punte vive.

Violetta ha la voce e la figura bionda di Irina Dubrovskaya: quasi una rivelazione. Quel che non convince sono i balletti che sostituiscono gli invitati alle feste; né il pianista che preludia valzerini prima di ogni atto. Il direttore, con l'Orchestra dell'Emilia-Romagna, contribuisce al successo, e soprattutto gli altri due cantanti: lo squillante tenore Francesco Malapena e Nicola Alaimo, un baritono di classe notevole.

Paolo Gallarati

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Luglio 2013 08:39
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.