domenica, 03 marzo, 2024
Sei qui: Home / A / ANTONIO E CLEOPATRA – regia Valter Malosti

ANTONIO E CLEOPATRA – regia Valter Malosti

"Antonio e Cleopatra", regia Valter Malosti. Foto Tommaso Le Pera "Antonio e Cleopatra", regia Valter Malosti. Foto Tommaso Le Pera

Di William Shakespeare
uno spettacolo di Valter Malosti
traduzione e adattamento Nadia Fusini e Valter Malosti
con Anna Della Rosa, Valter Malosti, Danilo Nigrelli, Dario Battaglia, Massimo Verdastro, Paolo Giangrasso, Noemi Grasso, Ivan Graziano, Dario Guidi, Flavio Pieralice, Gabriele Rametta, Carla Vukmirovic
scene Margherita Palli, costumi Carlo Poggioli
disegno luci Cesare Accetta
progetto sonoro GUP Alcaro
cura del movimento Marco Angelilli
maestro collaboratore Andrea Cauduro
assistenti alla regia Virginia Landi, Jacopo Squizzato
assistenti alle scene Marco Cristini, Matilde Casadei
assistenti ai costumi Simona Falanga, Riccardo Filograna
chitarra elettrica live Andrea Cauduro, arpa celtica live Dario Guidi
costumi realizzati da Maria Vittoria Pelizzoni, Adriana Cottone per ERT /Teatro Nazionale e da Tireili Costumi
Produzione Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Bolzano, LAC Lugano Arte e Cultura
teatro Arena del Sole di Bologna, 17 gennaio 2024

www.Sipario.it, 19 gennaio 2024

C'è una suggestiva sensazione, ma in fondo è anche una intenzione, che emerge in Shakespeare e che sembra aver guidato, in questa messa in scena, anche Valter Malosti che la dirige dopo averne fatto una nuova interessante traduzione insieme a Nadia Fusini.

Cioè quella o quelle, che in fondo riguardano sempre anche noi stessi, per cui è 'necessario' mettere comunque ordine al dis-ordine anche se da quel molto presunto dis-ordine siamo affascinati e quasi interpellati, in un dialogo inestiguibile cui però, con nostra grande e malinconica dis-illusione, dobbiamo mettere una fine, perchè nel mondo in senso lato così si deve fare, avendone però per sempre nostalgia.

Lo scrive lo stesso regista nel libro di sala: “uno dei temi che mi è apparso fin da subito particolarmete affascinante e centrale è il conflitto tra ordine e disordine”, per concludere, citando l'Ottaviano dell'ultima scena, “massimo ordine che vuole cancellare per sempre il massimo disordine”, senza dirci però da che parte sta (se non con il teatro).

La poesia e soprattutto la scena, quando talvolta riescono ad ascoltare la nostra nostalgia e a lenire la nostra malinconia, sono il luogo 'principe' per recuperare ciò cui abbiamo rinunciato.

D'altra parte Antonio e Cleopatra, come molte delle sue più tarde drammaturgie, si intuisce sia anch'essa capitolo di una sorta di summa a puntate con cui Shakespeare avrebbe voluto, odiando naturalmente e irrimedibilmente ogni trattatistica che odorasse di 'metodo', riepilogare e farci indirettamente intendere il suo fare teatro, un fare teatro che solo 'facendo teatro' (anche da spettatori) può essere capito.

È, questo andato in scena al teatro “Arena del Sole” di Bologna nella produzione di ERT Emilia Romagna Teatro, uno dei drammi storici shakespeariani meno rappresentati, in Italia in particolare, in quanto dramma assai complesso in cui il doppio è continuamente reiterato (ordine e dis-ordine, amore e morte, occidente e oriente, alto e basso, regalità e volgarità, comico e tragico e anche Potere e Umanità storicamente intesi) irrompendo sul palcoscenico nel suo groviglio quasi inestricabile che lì si tenta di sciogliere come il mitico nodo gordiano.

La dimensione di questo mimetico conflitto che il testo porta con sé è tale da transitare in metafisica, riportandoci ad un passaggio epocale di cui i mille universi di Giordano Bruno e il suo Dio-Natura poi svelato da Spinoza, costituivano lo 'skàndalon' ove la storia e l'idea dell'uomo alla fine inciampavano.

Ma alla fine, e questa è la dimensione essenziale del teatro, ciò che Antonio e Cleopatra mostra è un uomo ed è una donna in cui poter mescolare e sintetizzare, attraverso il motore indomabile dell'eros, tutte le spinte e le contraddizioni della Vita e delle vite che viviamo, appunto segnate dalla Storia, dalla politica, dall'arte e dalla filosofia.

Una missione 'impossibile' (ma non per il Bardo) cui si accosta dapprima la moderna traduzione che deve gestire innanzitutto il conflitto linguistico tra alto e basso e lo fa con successo, e poi la messa in scena che, questa sì, deve necessariamente scegliere, ridurre e concentrare attorno ai due protagonisti e a pochi altri personaggi (tra i molti dell'originale) l'intera struttura narrativa e drammaturgica.

La regia lo riesce a fare scegliendo la parola come vera protagonista, una parola che sostituisce e insieme si incarna dentro una scenografia 'monumentale' che parte visivamente dalla fine (la morte e il mausoleo) per ricostruirne in un finto flashback i momenti che quell'esito determineranno, per riacchiappare Eros prima che precipiti nella sua tomba.

Tornando all'aspetto più politico e storico, dentro una sorta di limpida vivisezione della regalità messa a confronto con la sua e la nostra contemporaneità, una regalità che si alimenta di potere per sé e si maschera da illusione per tutti gli altri, è in fondo paradossale che una tale mortale nemica di Roma sia sfuggita alla damnatio memoriae che tutti gli avversari hanno subito.

La tragedia cerca di svelarci il segreto di questa sopravvivenza nel tempo e anche oltre il tempo, il segreto prima di una quasi bambina e poi di una giovane donna (di stirpe aristocratica erede del sogno del grande Alessandro Magno) alle prese non tanto con due (o forse solo uno) conquistatori del mondo ma soprattutto con il proprio autonomo e ambizioso disegno di 'potere' e conquista (o magari solo di salvezza).

Forse è proprio la 'dismisura' ad essere il suo segreto e insieme l'aver saputo, con il suo essere innanzitutto 'donna', vivere quella dismisura in entrambi i campi, quello della vita interiore dell'erotismo, spesso da altrui storpiato e deformato in semplice lussuria, e quello della vita esteriore nella comunità.

Nell'elaborare tutto ciò gli attori devono sapere utilizzare gli infiniti registri che orbitano attorno all'alto e al basso linguistico del testo, e lo fanno con impegno di fronte ad una scelta di forse eccessiva esplicitazione o contemporaneizzazione dei gesti che accompagnano le parole, così che il comico dei primi confligge a volte con il tragico delle seconde producendo risate che hanno più lo stimma della sofferta partecipazione che quello della liberazione.

Uno spettacolo come detto difficile in sé, per lettura e interpretazione, maneggiato con cura letteraria e registica molto apprezzabile, con una recitazione di complessiva qualità, ed una resa scenica di ottimo livello. Molti gli applausi.

Maria Dolores Pesce

Ultima modifica il Domenica, 21 Gennaio 2024 08:39

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.