lunedì, 26 settembre, 2022
Sei qui: Home / M / MIELE - regia Jonathan Bertolai

MIELE - regia Jonathan Bertolai

"Miele", regia Jonathan Bertolai. Foto Manuela Giusto "Miele", regia Jonathan Bertolai. Foto Manuela Giusto

di Jonathan Bertolai
con Gloria Dorliguzzo, Ian Gualdani, Adele Cammarata
suono Hubert Westkemper
musiche Giacomo Vezzani
luci Orlando Bolognesi
ideazione scenografica Marta Crisolini, Francesca Tunno
regia Jonathan Bertolai
coreografie e movimenti scenici Gloria Dorliguzzo
produzione MAT Movimenti Artistici Trasversali con Teatro del Giglio di Lucca e della Città del Teatro di Cascina con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca
Operaestate Festival Veneto
Basssano del Grappa (Vicenza), teatro Remondini 27 agosto 2022

www.Sipario.it, 28 agosto 2022

La visione è apocalittica, non fa tralasciare che poche, forse infime, inesistenti, speranze. Chi sono i sopravvissuti, quelli che in qualche modo si stanno adattando al nuovo corso, ai bassifondi della terra e del cosmo? Sono uomini insetto, residuo del post-umano, come le note di regia stesse dichiarano. Ma a ben vedere possono essere anche gorilla, in quella nebbia dispersiva, annientante dell’esistenza. Sono tre, si trascinano con fatica ma cercano resistenza, con dolore, in una grande cella esagonale d’inquietante aspetto che richiama ancestralmente l’esserino che fa il miele, appunto, la deliziosa ape. Api nel cosmo, uomini di un altro corso. In quel buio penetrante salvato da pochi, illuminanti per fortuna, luci (molto indovinate), gli uomini insetto, due femmine e un maschio, saltano, si sprigionano, reagiscono con tutte le loro forze, in un percorso che sembra non avere oltrepassaggio alcuno. Sono sforzi continui, richiami alla vita gridata con tutte le loro forze sebbene contenuti in mugugni, gemiti deliranti dove a fatica si cercano di continuo vie d’uscita, provando a elaborarne le proprie consistenze di esistenza che cerca sublimazione ma ancor di più salvaguardia del proprio io, del proprio essere. E’ un mondo infernale post mortem, un mondo-spazio dove la resistenza fa anche provare a far nascere un idillio, quei sublimi e arcaici elementi di desiderio unito all’infatuazione. L’autoannientamento che spesso trascina verso il fondo, quando non vede speranza combacia con il disfacimento del proprio io, ed è un muoversi in catarsi, un atto e un canto liberatori. I tre attori sono tutti allineatamente perfetti, in questo spettacolo, in prima nazionale che Operaestate Festival Veneto propone nella sezione B. Motion Teatro, il pubblico segue attentamente, non si sente respiro. E’ una specie di rifiuto, l’essere umano visto qui, pur nella sua purezza, se c’è e quando c’è, all’interno di sistemi già preconfezionati dei quali poco si avvede e si interessa. O almeno non ne esce, il massimo che può fare ( e non lo fanno tutti) è quello di riuscire a chiedersi dove va la propria vita. Contaminati dalla cupezza, limitati nella libertà, gli uomini insetto provano a identificarsi, a provare a reggere sullo stato precedente, a risultare chiari e limpidi ma è tutto complicato. Cadi e ti alzi, e viceversa. Tentativi, spremuti fino all’ultima delle gocce. Convivere, esistere in uno spazio ristretto, angusto e frustrante sembra il loro destino. Poi, all’improvviso qualcosa di grande accade, non sembra vero ma è. E’ il nuovo ripartire, il nuovo essere, uno stato di plateau che va incontro a una nuova emancipazione, che almeno pare tale ma che certo è di una forza prorompente che non lascia dubbi. E’ il nuovo stato, attraversato in precedenza da sacrifici penetranti, è la nuova salvezza? Tutto si svolge tra un nuovo dolore una nuova ripartenza, un nuovo commiato. I tre interpreti di MAT Movimenti Artistici Trasversali vanno citati con doveroso ossequio, per impegno e coinvolgimento dove anche il più piccolo gemito segna la loro partecipazione totale, e sono Gloria Dorliguzzo, Ian Gualdani e Adele Cammarata, come detto prima ineccepibili in allineamento, in caduta, in rinascita. Jonathan Bertolai firma una drammaturgia d’impatto, con una regia di adeguata forma. Bravi davvero.

Annamaria Pellegrini

Ultima modifica il Mercoledì, 31 Agosto 2022 09:54

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.