martedì, 15 ottobre, 2019
Sei qui: Home / N / NON SI UCCIDONO COSÌ ANCHE I CAVALLI? - regia Giancarlo Fares

NON SI UCCIDONO COSÌ ANCHE I CAVALLI? - regia Giancarlo Fares

"Non si uccidono così anche i cavalli?", regia Giancarlo Fares "Non si uccidono così anche i cavalli?", regia Giancarlo Fares

Alessandro Longobardi per OTI - Officine del Teatro Italiana presenta
Giuseppe Zeno, Silvia Salemi
con la partecipazione straordinaria di PIJI
Traduzione Giorgio Mariuzzo, Adattamento Giancarlo Fares 

Tratto dall'omonimo romanzo di Horace McCoy

e con Riccardo Averaimo, Alberta Cipriani, Vittoria Galli,
Alessandro Greco, Salvatore Langella, Martin Loberto, Elisa Lombardi,
Maria Lomurno, Francesco Mastroianni, Matteo Milani,
Pierfrancesco Scannavino, Luciana Scarpolini, Viviana Simone

con la partecipazione Live del Piji Electroswing Project
Piji - Voce e Chitarra | Dario Troisi - Piano | Egido Marchitelli - Elettronica & Chitarra |
Francesco Saverio Capo - Basso | Andy Bartolucci - Batteria

Coreografie Manuel Micheli

Canzoni Originali di Piji

Scene Fabiana Di Marco
Costumi Francesca Grossi

Disegno Luci Anna Maria Baldini

Assistente alla regia Claudia Fontanari
Regia Giancarlo Fares 

Stagione 2019/2020

Teatro Sala Umberto – dal 26 settembre al 6 ottobre 2019

www.Sipario.it, 3 ottobre 2019

Spettacolo che si fa vita e quest'ultima che diviene finzione: ecco il senso, il leitmotiv della commedia Non si uccidono così anche i cavalli?, in scena alla Sala Umberto di Roma e con protagonista un bravo Giuseppe Zeno che, per via dei limiti posti dal lavoro, non riesce a far vibrare tutte le corde della sua capacità interpretativa.
Quando calano le luci in sala, a sipario chiuso entra Joe (Zeno), conduttore e organizzatore de La maratona della vita: folle reality show dove i concorrenti ballano senza sosta pur di guadagnarsi istanti di celebrità (brevi o lunghi). Non vi è sosta, nessuno spazio per soddisfare i bisogni primari – nutrirsi, riposare, pensare. Unica concessione: ogni due ore, dieci minuti di pausa dove si consiglia ai gareggianti di dormire invece che fare altro. Per mangiare vi sono tre minuti in tutto: non uno di più né uno di meno. Man mano che le ore passano, i partecipanti divengono sempre più stanchi. Qualcuno cede e viene eliminato – "Facciamo un applauso al perdente": così vengono salutati gli espulsi.
In questo folle rodeo, chi è il vero protagonista? Il pubblico, che ad ogni istante è chiamato a seguire, a decidere della sorte dei concorrenti fino a decretarne il vincitore. Lo stesso pubblico che, pur conoscendo le regole del gioco e che è consapevole che quella che vede non è la vita reale, non rinuncia ad essere carnefice dei partecipanti e vittima a propria volta di un sistema che non concede alcunché di positivo, ma solo una lotta fine a se stessa e puramente bestiale. Fra tutti, la sola estranea a questa affatturazione è Gloria (Silvia Salemi) che, consapevole dell'assurdità di ciò che le chiedono di fare, decide di ritirarsi dalla competizione. A suo modo anche Joe conosce i lati bui della macchina che ha creato, ma non rinuncia a tenerla in vita perché sa che il pubblico ha fame di curiosità e bestiale violenza da esercitare o con un banale televoto, o solo guardando e godendo delle altrui sofferenze (fisiche e morali).
Spettacolo, questo, che è una perfetta fotografia della fame di verità che domina, oggi, televisione e pubblico, confondendo i limiti tra finzione e realtà fino a volerli eliminare (una pia illusione). Giuseppe Zeno, attore di talento e ottima capacità interpretativa dotata di molti colori, non riesce a dare al personaggio di Joe quelle sfumature che avrebbero potuto arricchirlo; e ciò a causa dei limiti drammaturgici di un lavoro nel quale la profondità psicologica è, purtroppo, assente. Quali sono le contraddizioni di Joe? Quale il suo travaglio? È un autentico ipocrita oppure ordisce mostruosità perché non può scegliere diversamente? Zeno tenta di ampliare queste zone d'ombra, per come può cerca di sostarvi il più possibile dando all'insieme qualche istante di respiro; ma più di tanto non riesce a causa dei ritmi serrati e rapidi dello spettacolo che proibiscono qualsiasi approfondimento.
In tal senso, Non si uccidono così anche i cavalli? è il ritratto perfetto del periodo storico in cui viviamo.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Giovedì, 03 Ottobre 2019 07:37

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.