martedì, 10 dicembre, 2019
Sei qui: Home / T / TEMPI NUOVI - regia Cristina Comencini

TEMPI NUOVI - regia Cristina Comencini

Ennio Fantastichini e Iaia Forte in "Tempi nuovi", scritto e diretto da Cristina Comencini Ennio Fantastichini e Iaia Forte in "Tempi nuovi", scritto e diretto da Cristina Comencini

scritto e diretto da Cristina Comencini
con Ennio Fantastichini e Iaia Forte, Marina Occhionero e Nicola Ravaioli
scene Paola Comencini
costumi Antonella Berardi
co-produzione Compagnia Enfi Teatro e Teatro Stabile del Veneto
Livorno, Teatro Goldoni, 27 Marzo 2018

www.Sipario.it, 28 marzo 2018

Tempi nuovi, (nemmeno tanto)
Il trionfo della banalità.

Non ci sono altre possibili parole per descrivere lo "spettacolo" che è andato in scena al Teatro Goldoni di Livorno. Questo, difatti, si trascina da uno stereotipo all'altro e le battute, (poche), che riescono a strappare qualche sorriso non lo possono certo salvare. Non vorrei accennare neanche al messaggio, (misero e pressapochista), che l'ideatrice tenta di dare, ma è doveroso.
La vena principale di questo "spettacolo" si snoda nel rapporto tra Giuseppe, professore di Storia, uomo di circa mezza età, poco propenso all'uso della tecnologia, e sua moglie, X, giornalista, obbligata dalla sua professione ad adattarsi ai nuovi mezzi di comunicazione.
Nello svolgimento raffazzonato che lo spettatore deve sorbirsi per tutta la durata, circa un'ora e venti, vengono inserite tematiche di grande spessore e attualità, ma che vengono proposte attraverso scambi di battute banali e scialbe.
Non solo poi c'è da sottolineare una sceneggiatura debole, senza potenza narrativa, nemmeno poi comica, se non forse involontariamente, ma c'è da aggiungere in diversi momenti la poca aderenza recitativa degli attori ai propri personaggi, che lo spettatore può percepire chiaramente.
A soluzioni scenografiche di ottimo impatto visivo, la scena si apre infatti con una bellissima libreria stracolma di libri, si legano scelte registiche particolarmente discutibili: Giuseppe, infatti, senza nessun percorso di "crescita", o meglio di anticlimax, improvvisamente dopo essere stato ricoverato in ospedale sembra subire una "trasformazione", divenendo abile all'uso di ogni mezzo informatico e di comunicazione moderno, ma perdendo il proprio bagaglio culturale.
Sicuramente le scelte semplicistiche che permettono allo spettacolo di potersi snodare sono lo specchio stesso della superficialità che si tenta malamente di denunciare. Il tentativo di omaggiare la Commedia Italiana non riesce assolutamente, a meno che per Commedia Italiana la regista non abbia preso come propria ispirazione i Cinepanettoni che tanto hanno dato alla cultura italiana, e che alcuni speravano almeno in Teatro di non dover vedere.

Matteo Taccola

Ultima modifica il Mercoledì, 28 Marzo 2018 18:13

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.