mercoledì, 14 novembre, 2018
Sei qui: Home / D / DOUBLE VISION - coreografia Carolyn Carlson

DOUBLE VISION - coreografia Carolyn Carlson

Double Vision Double Vision Coreogafia Carolyn Carlson

coreografia e interpretazione: Carolyn Carlson
scenografia e immagini Electronic Shadow (Naziha Mestaoui e Yacine Aït Kaci)
musica originale Nicolas de Zorzi
luci: Emma Juliard, Electronic Shadow
costumi: Chrystel Zingiro dai bozzetti Crstof Beaufays
Milano, Teatro Strehler, dal 2 al 4 ottobre 2009

Corriere della Sera, 6 ottobre 2009
Gli alti pensieri della «sacerdotessa» Carolyn Carlson

Con «Double vision», passato allo Strehler, Carolyn Carlson lancia un ultimo, nuovo messaggio alla nostra umanità perduta: vede la catastrofe e la solitudine, una condizione umana apparentemente senza avvenire, si sente prigioniera di un magma primordiale dal quale sgorga il «disordine assoluto», ma offre come già in passato una via d' uscita, per avere un pianeta immaginario fatto di alti pensieri, spiritualità, cielo pulito. Fan compagnia, alla coreografa americana, Budda e Confucio, oltre che i nostri profeti inascoltati, che la musica implacabile di Philip Glass ha in passato saputo illustrare. Double vision significa che la Carlson raddoppia se stessa e il suo «set» con l' aiuto delle raffinate tecnologie: ne vengono immagini molto belle, effetti coinvolgenti, nella prima parte. Pioggia e neve, microorganismi e formiche rosse, tsunami e città fameliche trasmettono un' angoscia da uccello in gabbia, da prigioniero di sabbie mobili. Carolyn Carlson espone i gesti di braccia e mani, in segmenti sempre più brevi, in una nevrosi totale. La sua tavolozza minimalista, su musiche e sospiri di De Zorzi, schegge di video e visual art, affascina per la sua concretezza, ma poi cade nell' ovvio della grande città, della natura che si spegne, nella fede ecologica. I Momix di Moses Pendleton ricamano una natura oggettiva, palpabile, la Carlson è più mistica, più allusiva, più concentrata sul grande sogno della purificazione astratta. Il pubblico ha applaudito la sacerdotessa del bello e del bene, ha ricordato come abbia, negli anni ottanta a Venezia, fatto nascere il postmodern italiano, e gli applausi sono stati intensi e calorosi.

Mario Pasi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 07:42
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.