venerdì, 01 luglio, 2022
Sei qui: Home / Teatro / Il metodo Strehler – Diari di prova della Tempesta scritti da Ettore Gaipa a cura di Stella Casiraghi

Il metodo Strehler – Diari di prova della Tempesta scritti da Ettore Gaipa a cura di Stella Casiraghi

Il metodo Strehler – Diari di prova della Tempesta scritti da Ettore Gaipa a cura di Stella Casiraghia cura di Stella Casiraghi
IL METODO STREHLER - DIARI DI PROVA DELLA TEMPESTA SCRITTI DA ETTORE GAIPA
Skira, 2012, pp. 167

Dal 6 marzo al 28 giugno 1978, giorno del debutto al Teatro Lirico di Milano: questo il cammino che il lettore percorre tappa a tappa sotto la guida di Ettore Gaipa il quale, con i suoi diari di prova della Tempesta nell'allestimento di Giorgio Strehler, offre l'occasione di un viaggio inconsueto nel lavoro di un regista che non si conosce mai abbastanza e che mai cessa di sorprendere. Chi meglio di Gaipa avrebbe potuto compiere quest'impresa, avendo all'attivo, tra l'altro, l'interpretazione del Nostromo nella prima edizione de La tempesta, rappresentata nei Giardini di Boboli a Firenze nel 1948? Trent'anni dopo, dunque, eccolo impegnato a redigere un vero e proprio diario di bordo della nuova edizione che fa luce sulle diverse fasi alle quali hanno preso parte attori, tecnici e testimoni di passaggio, per non parlare delle emozioni condivise, delle osservazioni, dei commenti legati al memorabile allestimento di Strehler in cui la parte di Prospero viene affidata a Tino Carraro, reduce dalla sublime interpretazione di Re Lear, sempre sotto la direzione di Strehler, mentre Giulia Lazzarini dà corpo e voce ad Ariel e Michele Placido a Caliban.
I diari delle prove sono anche testimonianza dell'impegno e della fatica fisica richiesta agli interpreti, sollecitati al massimo dal regista che non concede loro tregua, né la concede a se stesso. Tanto meno la concede allo scenografo Luciano Damiani, il quale si trova a gestire il traumatico trasferimento dell'allestimento dal Piccolo Teatro di via Rovello al Teatro Lirico di via Larga, assai più capiente della suggestiva sede originaria e tecnicamente più attrezzato, ma privo di quel calore e di quella 'umanità' che per il regista fanno la differenza. Nulla sfugge all'autore dei diari, che coglie ogni minima sfumatura, ogni dettaglio di quel momento straordinario tramandandolo a chi non ha avuto la fortuna di parteciparvi come interprete o di assistervi come spettatore. Del valore della sua presenza è ben consapevole lo stesso Strehler che lo ringrazia in una lettera riportata nel volume, in cui lo definisce: "...un testimone della nostra vanità, che ora è più povera". È il 13 gennaio 1993: "Addio, Ettore, il vuoto che lasci nei buoni è troppo grande", scrive il regista. È l'ultimo saluto ed omaggio ad Ettore Gaipa, scomparso pochi giorni prima.

Myriam Mantegazza

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 05 Marzo 2014 10:39
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.