venerdì, 02 giugno, 2023
Sei qui: Home / P - Q / PURITANI (I) - regia Pier'Alli

PURITANI (I) - regia Pier'Alli

I Puritani I Puritani Regia Pier'Alli

di Vincenzo Bellini
direttore: Michele Mariotti
regia, scene, costumi e luci: Pier'Alli, maestro del coro: Paolo Vero
con Ugo Guagliardo, Ildebrando D'Arcangelo, Juan Diego Florez, Gabriele Viviani, Gianluca Floris, Nino Machaidze, Nadia Pirazzini
Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna
Bologna, Teatro Comunale, dal dal 8 al 17 gennaio 2009

Avvenire, 10 gennaio 2009
Corriere della Sera, 11 gennaio 2009
Tifo da stadio per «I puritani» di Florez

Grande successo a Bologna per il debutto italiano nel ruolo di Arturo del tenore peruviano Un cast tutto di giovani per una rilettura piena d'energia. Fischiata la regia di Pier' Alli

Di fronte al tifo da sta­dio di certe prime guardi tra palchi e platea e pensi che un tem­po l'opera lirica doveva es­sere proprio così, capace di suscitare entusiasmi, pas­sioni viscerali. Come dire, il calcio dell'Ottocento che scatenava rivalità tra soste­nitori di questo o di quel cantante, di questo o di quel compositore. Tifo, però, sa­no, bello, pulito che la lirica di oggi, impolverata e in­gessata in riti che sanno so­lo di vecchio, farebbe bene a recuperare. A volte capita di ritrovarlo. Magari a Bolo- gna dove arrivi al Teatro Co­munale e ti imbatti in uno striscione – proprio come quello degli ultrà fatti con lenzuola cucite insieme e vernice spray – contro i ta­gli al Fondo unico per lo spettacolo appeso davanti all'ingresso principale ac­canto alla locandina de I puritani di Vincenzo Belli­ni. Dentro i fan ( non solo bolognesi) di Juan Diego Florez si godono il debutto italiano del popolare teno­re – insuperabile nel reper­torio del belcanto ottocen­tesco – nel ruolo di Arturo: applausi a scena aperta, o­vazioni per Florez e per i colleghi che gli tengono magnificamente testa nel­l'impervia partitura di Bel­lini, bella da togliere il fiato, ma di raro ascolto nei no­stri teatri. Una prima volta, cosa che ha quasi dell'incredibile, fis­sata già da cinque anni e per la quale il Comunale ha co­struito una solida squadra tutta fatta di giovani (il più ' vecchio' non ha ancora quarant'anni) da mandare in campo accanto al 35en­ne fuoriclasse peruviano che, ancora una volta, gra­zie ad acuti che lasciano a bocca aperta e raffinatezza di canto, centra l'obiettivo. Sul podio il pupillo di casa, Michele Mariotti, 29 anni, direttore principale dei complessi bolognesi tiene bene le redini anche se a volte calca troppo il pedale eroico sacrificando finezze e poesia. In scena il sopra­no georgiano Nino Ma­chaidze (Elvira passionale, dagli acuti saldi, Gabriele Viviani ( Riccardo a volte troppo irruente) e, soprat­tutto, Ildebrando D'Arcan­gelo che con la sua voce e la sua intelligenza musicale getta una luce umanissima su quello che è il personag­gio più attuale dell'opera, sir Giorgio, che con le sue parole e il suo esempio è ca­pace di portare la pace tra uomini in guerra. Giovani come i loro personaggi. No­vantacinque anni in tre. E proprio qui, forse, sta il suc­cesso della serata, nell'e­nergia che dal palcosceni­co e dalla buca dell'orche­stra arriva dritta al cuore de­gli spettatori. Tanto che l'u­nica nota stonata viene dal­lo spettacolo, firmato da un veterano della lirica, Pier' Alli. Il regista fiorentino (l'u­nico contestato al suo ap­parire in palcoscenico a fi­ne serata) così come molti blasonati colleghi sembra da anni rifare sempre lo stesso spettacolo, non im­porta se sul leggio ci sia l'Ernani di Verdi o I purita­ni di Bellini: in scena sem­pre porte sghembe e sezio­ni di pareti, sempre le stes­se simmetrie e gli stessi ge­sti di coro e cantanti.

Pierachille Dolfini

Juan Diego Flórez meno spavaldo ma più completo

In altri tempi si sarebbe detto che ha smesso i calzoni corti per infilare quelli lunghi. Oggi si usano altre metafore. In ogni caso il Juan Diego Flórez che in questi giorni canta I Puritani di Bellini al Teatro Comunale di Bologna sembra un interprete cambiato. La cosa è fisiologica - non si hanno 20 anni per tutta la vita - e non mette minimamente in discussione il primato che il tenore peruviano s' è conquistato con la classe che si sa. Ma oggi nel suo canto ci sono meno spavalderia, meno slancio, meno «incoscienza», e dunque anche meno naturalezza. Oggi Flórez primeggia in virtù di un controllo maniacale: un computer, percentuali di rischio prossime allo zero. È giusto così. È un numero uno ormai entrato in quella fase aurea della carriera in cui basterebbe una mezza nota sporca a far mormorare il pubblico che affolla i teatri dove si esibisce. Controllo significa capacità di gestire il proprio splendido strumento vocale ma anche consapevolezza di quello che si sta cantando. Il suo Lord Arturo trova accento, colore e intensità emotiva ideali in ogni frase belliniana. È un saggio di belcanto e al tempo stesso un saggio di intelligenza interpretativa. Fanno bene i fan a mettersi in coda al botteghino. Ma questi Puritani non dicono solo Juan Diego Flórez. Dicono anche che la partner di lui, Nino Machaidze, sta maturando con una rapidità impressionante. Il sovracuto è ancora un pò faticoso e sganciato dal resto ma la sua è una Elvira ben timbrata, ben fraseggiata, molto espressiva. E il Sir Giorgio di Ildebrando D' Arcangelo è una garanzia di solidità, di autorevolezza vocale e scenica. Bella voce ma incerto temperamento invece per il Sir Riccardo di Gabriele Viviani, un baritono cui forse manca solo un grado in più di autostima. Bene Nadia Pirazzini (Enrichetta). Cast dunque di livello decisamente superiore alla media. Molti applausi anche per Michele Mariotti. Meritatissimi. Lui sì è uno che porta ancora i calzoni corti. L' anno scorso fece un Boccanegra imbarazzante. Ma la stoffa c' è e in questi Puritani, opera belliniana la più ricca di sostanza musicale, la sa far emergere: tempi calibrati rispetto al suono, ricerca di colore, capacità di farsi assecondare dall' orchestra. Qualche buu invece per Pier' Alli, come sempre autore di una messinscena colta, elegante, fredda, cupa. Eccessivamente cupa.

Enrico Girardi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 10:58
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.