martedì, 18 maggio, 2021
Sei qui: Home / S / SETTE PECCATI CAPITALI (I) - regia Giulio Ciabatti

SETTE PECCATI CAPITALI (I) - regia Giulio Ciabatti

I sette peccati capitali I sette peccati capitali Regia Giulio Ciabatti

ballet chanté su libretto di Bertolt Brecht
musica: Kurt Weill
Trouble in Tahiti
musica: Leronard Bernstein
regia: Giulio Ciabatti, scene e costumi: Sergio D'Osmo, coreografia: Giovanni Di Cicco
direttore: Will Humburg
Trieste, Teatro Verdi, dal 12 al 19 aprile 2008

Corriere della Sera, 20 aprile 2008
Visioni americane: un dittico di ibridi tra Weill e Bernstein

In un caso è l' America molto depressa d' inizio anni Trenta, nell' altro quella ottimista dei primi Cinquanta; in entrambi è protagonista la gente comune, quella che lavora una vita per farsi una casa dove vivere in pace e che arriva sempre il momento in cui si chiede se ne è valsa la pena. È un dittico singolare e intelligente quello rappresentato al Verdi di Trieste: I sette peccati capitali, ultima collaborazione di Kurt Weill e Bertolt Brecht, e Trouble in Tahiti di Leonard Bernstein. Ma tra le varie analogie di due titoli pur sempre così differenti, la più stimolante consiste nell' essere pagine ibride quanto al genere: l' una a metà tra opera e danza - del resto lo sdoppiamento della protagonista in cantante e ballerina (con lo straniamento che ne deriva) è il principale suo ingrediente drammaturgico -, la seconda come opera che strizza l' occhio al Musical, benché priva di parlato. Giocare, costruire, ricamare su ciò è il primo merito dello spettacolo triestino, il secondo consistendo nell' accurata recitazione degli interpreti. La messinscena (regia di Giulio Ciabatti, coreografie di Giovanni Di Cicco, scene e costumi di Sergio D' Osmo) naturalmente allude al cabaret berlinese di qui e ad Hopper di là, ma ben sottolinea anche le analogie, in primo luogo utilizzando il medesimo impianto scenico, opportunamente «arredato» nei due casi. Bravo anche il direttore Will Homburg a lavorare sulla gigantesca differenza di stile degli atti unici: il suono scarno e abrasivo di Weill, la vitalità swing di Bernstein. Non sono capolavori. Nei Sette peccati la finalità dimostrativa tarpa un pò le ali alla fantasia di Weill; a Trouble in Tahiti mancano un paio dei Song memorabili che abbondano in West Side Story per diventare un classico amato da tutti. Però al pubblico piacciono entrambi e piace l' accoppiata. Né si trova in platea chi abbia a ridire sugli interpreti. La parte del leone la fa Daniela Mazzucato; tutt' altro che la voce perfetta, però in questo repertorio resta un' icona, una presenza carismatica. Più a suo agio come Anna cantante che come Dinah, ma con una tale consapevolezza del ruolo da tacitare sul nascere ogni perplessità. Intrigante l' Anna ballerina di Francesca Zaccaria e molto spigliato Gezim Myshketa (Sam), partner di Dinah nell' opera di Bernstein. Bene anche il quartetto di voci che forma la Famiglia di Weill, e il trio jazz di Bernstein costituito da Manuela Risceglie, Gianluca Bocchino e Giuliano Pelizon.

Enrico Girardi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 10:48
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.