sabato, 13 agosto, 2022
Sei qui: Home / A / APPARENZA INGANNA (L') - regia Tullio Solenghi

APPARENZA INGANNA (L') - regia Tullio Solenghi

L'apparenza inganna L'apparenza inganna Regia Tullio Solenghi

di Francis Veber
adattamento Tullio Solenghi e Maurizio Micheli
Con Tullio Solenghi, Maurizio Micheli, Massimiliano Borghesi, Sandra Cavallini, Paolo Gattini, Adriano Giraldi, Fulvia Lorenzetti, Matteo Micheli, Enzo Saturni
Scene Alessandro Chiti, Costumi Andrea Stanisci, Musiche Massimiliano Forza, Arrangiamenti Fabio Valdemarin.
Regia Tullio Solenghi. Prod. La Contrada e Teatro Stabile di Trieste
Roma, Sala Umberto dal 19 febbraio al 3 marzo 2013

www.Sipario.it, 6 aprile 2013

Spiccatamente dotato di "nessuna qualità" (nemmeno il fascino svuotato, esitante del personaggio inventato da Musil), François Pignon lavora da frustrato contabile per un'azienda di produzioni derivanti dal caucciù: quindi di profilattici d'ogni tipo, colore e 'sapore'
La sfortuna si materializza senza preamboli sotto forma di licenziamento (in tronco), presto abbinata al divorzio dalla bella moglie (di cui è innamorato perso e devoto) e alla disistima che, senza troppi scrupoli, gli dedica il figlio adolescente e acerbamente spietato. Che l'idea di farla finita cominci a brulicare nell'animo di François è più che plausibile.
Caso vuole, tuttavia, che un suo vicino di casa, capita l'antifona, faccia di tutto per ridestare in Pignon l'interesse alla vita (il 'sale della curiosità e del desiderio'), innescando una serie di buffi eventi che cambieranno totalmente lo stato delle cose. Stratagemma imbattibile? Fingersi gay, affinchè la dirigenza aziendale non proceda al licenziamento per paura di scadere nel mobbing e aggregare, in difensiva, le associazioni omosessuali.
L'idea, audace ma plausibile, deflagra su tutti i fronti e ribalta il destino dell'oscuro impiegato : in ufficio, nella società, nella vita privata, trasformandolo da minimo travet ad acclamata icona dei movimenti di liberazione sessuale (e trasversale) : con tutte le conseguenze del caso decisamente ilari almeno sul piano del vaudeville, della pochade, della 'perenne' commedia degli equivoci (che condiziona la vita di noi tutti, spesso in modo doloroso anziché farsesco)
****
Noto ai più per l'edizione cinematografica del 2002, "L'apparenza inganna", e la relativa struttura commedistica di Francis Vever, pagano pegno alla imbattibile lezione di Neil Simon (la grande stagione delle pièce americane anni cinquanta) applicata ad uno schema di flemme e nevrosi tipicamente europee, liddove la vacuità degli 'ambienti' (che determinano i nostri destini) subentrano all'efficientismo frettoloso, nevrastenico del vecchio calco americano.
Dopo il successo dei già collaudati "Il rompiballe" e "La cena dei cretini", si ha la sensazione (positiva) che "L'apparenza inganna" aderisca in misura persuasiva alle trame di una realtà che –pur paradossale- può riguardare 'l'uomo qualunque' ed in modo spesso irreversibile. Dando, di conseguenza, tanta modulazione e uso di silenziatore ad un genere di comicità , ad una vocazione esilarante (si pensi a "Il vizietto", a "La strana coppia") che è qui contenuta entro i limiti della sobrietà recitativa e di una sorta di taglio cinematografico basato sulla frammentarietà del racconto e sul montaggio ad incastro delle traversie a lieto fine.

Angelo Pizzuto

Ultima modifica il Martedì, 23 Luglio 2013 08:43

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.