giovedì, 29 luglio, 2021
Sei qui: Home / O / OTELLO - regia Roberto Guicciardini

OTELLO - regia Roberto Guicciardini

Otello Otello Regia Roberto Guicciardini

di William Shakespeare
traduzione: Masolino D'Amico
con Maria Rosaria Carli, Giacinto Palmarini, Alkis Zanis e Massimo Leggio, Mirko Rizzotto, Amedeo D'Amico, Mimmo Padrone, Giorgio Gallo, Massimiliano Sozzi, Matteo Micheli, Federica Di Martino, Benedetta Borciani
scene: Piero Guicciardini, costumi: Maurizio Millenotti, luci: Luigi Ascione
regia Roberto Guicciardini
Roma, Teatro Quirino, dal 28 ottobre al 16 novembre 2008

Il Messaggero, 8 novembre 2008
Lo Monaco, "Otello" all'antica italiana

Traduce l'Otello di Shakespeare, Masolino D'Amico, con sapienza, lo offre alla recitazione di Sebastiano Lo Monaco e della sua compagnia (Maria Rosaria Carli, Giacinto Palmarini, Alkis Zanis, Massimo Leggio, Mirko Rizzotto, Amedeo D'Amico, Mimmo Padrone, Giorgio Gallo, Massimiliano Sozzi, Matteo Micheli, Federica Di Martino, Benedetta Borciani), nonché alla regia di Roberto Guicciardini, con la naturalezza di un dramma contemporaneo. Anche la messinscena tende all'essenzialità, punta agli orizzonti di puro fondale, agli oggetti allusivi, alla rapida traslocazione delle scene. Per contro, il protagonista sceglie, presumibilmente avallato dalla regìa, di costruire il Moro di Venezia secondo moduli interpretativi ottocenteschi, generosi d'enfasi, di mezzitoni scuri, di barbagli e mugolìi, di tormentose discese agli inferi della voce, degli sguardi, del gesto.
Scritto all'inizio del 1600, dopo Amleto e appena prima di Macbeth e di Re Lear, il dramma è buon complice di queste predilezioni, persino nella snella versione di D'Amico. Amore e morte, passione e dolore, orgoglio e discriminazione, tutto nell'Otello galoppa sull'onda rapinosa di un'avventura forte, dominata dal "mostro con gli occhi verdi" che si chiama gelosia.
Lo Monaco, nei panni del Moro, generale della Serenissima sposato a Desdemona, fanciulla dell'aristocrazia veneziana, conquista ed ama, ordina, sogguarda, si torce fra le braccia del sospetto e infine uccide, annebbiato dall'assolutezza del proprio sentire. E' un Otello come dev'essere stato ogni Ermete Zacconi di città e di provincia, o l'anonimo primattore delle tante troupes di scavalcamontagne. Esercizio di stile? Pare di sì. Sebastiano se lo ritaglia prepotentemente in un contesto che, forse a bella posta, mantiene invece un contegno diverso, più sobrio, meno modulato, meno incline a denotare i moti del cuore, dell'anima e del cervello.
Fino al 16 novembre, al Quirino di Roma.

Rita Sala

Ultima modifica il Venerdì, 20 Settembre 2013 08:55

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.