martedì, 19 gennaio, 2021
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / "Il visitatore". Regia di Valerio Binasco e con Alessio Boni e Alessandro Haber. -di Pierluigi Pietricola

"Il visitatore". Regia di Valerio Binasco e con Alessio Boni e Alessandro Haber. -di Pierluigi Pietricola

Alessio Boni e Alessandro Haber in "Il visitatore", regia Valerio Binasco Alessio Boni e Alessandro Haber in "Il visitatore", regia Valerio Binasco

È stato trasmesso su Rai 5 uno degli spettacoli più belli andato in scena nell’ultimo decennio. Forse il più bello in assoluto: Il visitatore. Regia di Valerio Binasco e con due interpreti eccezionali al meglio delle loro capacità espressive: Alessio Boni e Alessandro Haber.
La replica trasmessa in Rai è quella andata in scena al Donizetti di Bergamo. Ma nella mia memoria è rimasta impressa quella a cui assistei al Teatro Comunale di Latina in un piovoso pomeriggio dell’8 Dicembre 2013.
Non conoscevo Eric-Emmanuel Schmitt. Non avevo letto nulla di lui. Quando Alessio Boni mi disse che con questo spettacolo avrebbe fatto tappa a Latina, non ho esitato un attimo nel decidere per vederlo. E leggendo il testo di Schmitt mi chiedevo: più del dubbio, cosa può atterrire un uomo giunto alla fine dei suoi giorni, mentre aspetta che il suo bene più caro – la figlia – torni da un interrogatorio nella sede della Gestapo di Vienna? Si aggiunga, a tutto questo, la consapevolezza di essere prossimo alla morte a causa di una malattia. La risposta è una ed una sola: il mistero.
Il visitatore racconta e indaga precisamente questo: il mistero che fa visita a un vecchio Sigmund Freud in una notte dell’Aprile del ‘38. I nazisti hanno appena invaso Vienna annettendo l’Austria al Terzo Reich. Il noto professore è celebre ma ebreo. Il nuovo ordine lo detesta e non può tollerarlo, specie per la sua fama a livello mondiale. Lo obbligano, in ogni modo, ad andare via. Quale mezzo migliore di usare la figlia Anna, prenderla in ostaggio per ricattarlo così che egli decida una volta per tutte? Nel pieno della disperazione Freud riceve la visita di un uomo misterioso. Chi è? Da dove viene? Non ha nome, non ha patria, né casa, né famiglia. Ma sa tutto di Freud, anche ciò che egli non ha mai confessato. È forse Dio? Il celebre professore vorrebbe crederlo. Ma come abbandonarsi a questa pallida speranza? E se tutto ciò fosse un’allucinazione o, peggio ancora, un equivoco della propria disperazione?
Di questo mistero, Binasco distilla il dissidio interiore che alberga non solo in Freud ma anche nel misterioso visitatore. Tanto la recitazione di Haber che quella di Boni, nella cadenza, nei toni, nelle pause, negli sguardi, nel fisico, non esprimono sovrastrutture. Lo spettatore si trova di fronte a due personaggi nudi, spogliati di tutto: Haber (Freud) del suo scetticismo scientista, Boni (Lo sconosciuto) della sua onnipotenza divina alla quale ha rinunziato quando ha dato libertà all’uomo. E cosa resta? Nulla. Se non, appunto, il mistero che trascende l’assurdo della vita. Un mistero che non si scioglie mai e che tale resta, che però entrerà a far parte dell’esistenza comune di Freud e, forse, anche dello Sconosciuto.
Un capolavoro di regia e attoriale. Soprattutto perché ha saputo tirare fuori il mistero che alberga nelle pagine di Schmitt magnificandone la metafora senza colorarla di stupide attualizzazioni.
Un gioiello teatrale da vedere e rivedere, custodire e su cui meditare.

Pierluigi Pietricola

Alessio Boni, Alessandro Haber
Il visitatore
di Erich-Emmanuel Schmitt
Traduzione e Regia di Valerio Binasco
con Nicoletta Robello Bracciforti e Alessandro Tedeschi
musiche Arturo Annecchino
scene Carlo De Marino
costumi Sandra Cardini
produzione Golden Art Production

Ultima modifica il Martedì, 15 Dicembre 2020 19:27

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.