martedì, 15 giugno, 2021
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Teatro La Monnaie Bruxelles - Rigoletto, con la regia di Robert Carsen al limite della pornografia

Teatro La Monnaie Bruxelles - Rigoletto, con la regia di Robert Carsen al limite della pornografia

"Rigoletto" - regia Robert Carsen "Rigoletto" - regia Robert Carsen

TEATRO LA MONNAIE BRUXELLES
14 maggio 2014

Un RIGOLETTO al limite della pornografia. Con le dame della corte del Duca di Mantova in rags e completamente nude non fosse stato per un minuscolo perizoma. Come nudo appare, nella scena che precede l'accoppiamento (a porte chiuse) con Gilda, il duca di Mantova. Ovvio che la nudità ha poco a che fare con la pornografia: per questa ci vuole l'intenzione di chi la esibisce. E lì l'intenzione c'era. Almeno adombrata. Difficile, del resto, sfuggire alla allusione pornografica, quando i modelli di comunicazione ne grondano tanto abbondantemente. Una variante pubblicitaria dell'approccio velatamente pornografico al capolavoro di Verdi è l'ostentazione della bottiglia di whiskey, che il duca tracanna tra una fornicazione e l'altra, con l'etichetta bene in vista. Si tratta di Johnny Walker, volendo andarci a fondo. Ma sono dettagli. E' chiaro che l'ostentazione dei corpi rivela l'intento morale del metteur en scene, il canadese ROBERT CARSEN, che sottolinea la depravazione del Duca mostrandone la infallibile riduzione a merce di tutto quel che tocca: corpi, oggetti, fino al loro simulacro pubblicitario, l'etichetta. Viene in mente Mario Soldati: "non esistono più vini, solo etichette".
Questo RIGOLETTO della Monnaie arriva tre mesi dopo quello del Metropolitan di New York, ambientato a Las Vegas, con l'allure del musical e voci alla Frank Sinatra. E alcuni anni dopo quello del Covent Garden, dove il Duca è un boss mafioso di Little Italy e Rigoletto un killer al suo servizio. Si direbbe che Rigoletto abbia il potere di sbrigliare la fantasia dei suoi registi fino e anche oltre il limite dell'opportunità e del buon gusto. Quanto a voci e sapienza teatrale, il Rigoletto della Monnaie è opera di grande dignità: su tutte spicca Anne Marie Gillet, delizioso soprano lirico, che interpreta con voce giovane e delicata e movenze di grande attrice una splendida Gilda. Meno convincente il Duca, Arturo Chacon –Cruzil, tenore giovane e dalla voce un po' fragile. Splendido il balletto, anche se con qualche indulgenza alla acrobazia: sono le ragazze del Bolshoi a rappresentare le dame della corte. Eccellente il coro, diretto dal maestro Carlo Rizzi, mentre a dirigere l'orchestra era il maestro Samuel Jean.

Attilio Moro

Ultima modifica il Domenica, 25 Maggio 2014 19:35

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.