martedì, 07 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Lo spettatore immobile. Ennio Flaiano e l'illusione del cinema di Giacomo Ionnisci

Lo spettatore immobile. Ennio Flaiano e l'illusione del cinema di Giacomo Ionnisci

Lo spettatore immobile. Ennio Flaiano e l'illusione del cinema di Giacomo IonnisciGiacomo Ioannisci
LO SPETTATORE IMMOBILE. ENNIO FLAIANO E L'ILLUSIONE DEL CINEMA
Edizioni Bietti, Milano, Euro 16.00, pp. 107

Ennio Flaiano, critico cinematografico, non è una scoperta di oggi. Anche per chi non ricorda i suoi articoli, più che recensioni, apparsi in "Oggi" nel 1939, durante al guerra in "Documento" e nel dopoguerra in "Star", "Bis" e soprattutto dal 1949 in "Il Mondo", ci sono volumi di sue recensioni, via via curati da Cristina Bragaglia, Guido Fink, Tullio Kezich.
Ma Giacomo Ioannisci ne inquadra "l'illusione del cinema", tra distacco e passione, curiosità e scetticismo, nel più ampio respiro di una personalità poliedrica e complessa, "uomo che adorava la sua dolce/amara solitudine", e del proprio lavoro nel cinema, come anche nella narrativa e nel teatro, faceva "contestazione silenziosa".
Flaiano è rivisitato da quattro angolature. Se può risultare soprattutto informativa la seconda, in minuziosa scansione cronologica percorso biografico di "un marziano pescarese", sono di più ficcante sondaggio le altre tre, anche coonestate a largo raggio da molteplici citazioni altrui. Anzitutto, Flaiano " battutista sagace", d'inquieta nevrosi per quanto gli sta intorno della Roma salottiera e letteraria, contro cui sono sfogo battute, aforismi, epigrammi, nutriti da una duplicità di anima, " paradossale, giocosa, beffarda" e insieme malinconicamente "taciturna e solitaria". Poi, dentro "la satira della solitudine" quel "pessimismo cosmicomico", magari di succo leoopardiano ma "farcito di pungente venatura umoristica", che non era mero esercizio letterario, ma con sberleffo sofferenza e disagio. Quindi, scorrendo, anche nel loro dritto e rovescio, recensioni di Flaiano in gran parte con pseudonimo Patrizio Rossi nel 1940 per "Cine illustrato", scovate e pubblicate da Tullio Kezich in volume "Un film alla settimana", Ioannisci ne analizza l'evolversi "sempre più sensibile ed esperto", e anche "sempre più vicino al pubblico".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 15:05
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.