giovedì, 09 aprile, 2020
Sei qui: Home / Cinema / La voce di dentro. Il cinema di Toni Servillo a cura di Claudio Carabba e Giovanni M. Rossi

La voce di dentro. Il cinema di Toni Servillo a cura di Claudio Carabba e Giovanni M. Rossi

La voce di dentro. Il cinema di Toni ServilloClaudio Carabba e Giovanni M. Rossi (a cura di)
LA VOCE DI DENTRO. IL CINEMA DI TONI SERVILLO
Edizioni Ets, Pisa, euro 13.00, pp. 124

(CINEMA - Alberto Pesce)

Da "La politique des acteurs" (di cui in premessa disquisisce Giovanni M.Rossi) sino alla "politica degli attori" con cui Luigi Nepi conclude analisi di Il gioiellino, un'infilata di saggi fa del napoletano Toni Servillo stigma esemplare di un attore-coautore.
Dapprima, cinque capitoli ne chiariscono metodo di recitazione, come egli sappia aggiustare "ricerca dell'intonazione giusta, nel muoversi e nel parlare" (Claudio Carabba), di Eduardo De Filippo rammemorare voce, pause, silenzi, allure, smorfie (Gabriele Rizza), a seconda dei film accortamente usare " tecniche dell'immedesimazione e quelle dell'imitazione" (Marco Luceri), coi suoi personaggi interpretare "la nuova sociologia del crimine" (Massimo Tria), anche prestare voce a film altrui (Marco Vanelli).
Poi, film dopo film, si allineano letture su singole interpretazioni di Servillo. Possono essere, nei film di Mario Martone la "fotogenìa del volto" (Chiara Tognoletti), con Paolo Sorrentino da L'uomo in più a Il divo ritratti di italiano "dove i difetti morali sono le uniche, fatali virtù" (Stefano Socci), in Le conseguenze dell'amore una triplice "immobilità" operativo-fisico-affettiva (Augusto Sainati), e in Luna rossa "il suo perlustrare liquido fra le pieghe dell'animo e le cicatrici della carne" (Rizza). Così, in La ragazza del lago un saper giocare "istrionicamente sotto le righe" e in Un balcon sur la mer insinuare "l'umanità e i dilemmi che animano anche un 'cattivo' cinematografico" (Federico Ferrone). E se in Gomorra luciferino con scaltrito ricorso a "mimica, costumi, voce" e in Gorbaciov irredimibile solitario con ripetitivo calco di segni esteriori (Luceri), in La vita tranquilla con "esattezza psicomotoria" sa anche correggere "passaggi non di rado un po' angusti e meccanici della sceneggiatura" (Rossi).

Alberto Pesce

Ultima modifica il Lunedì, 17 Giugno 2013 00:46
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.