mercoledì, 19 gennaio, 2022
Sei qui: Home / D / DUE, LA NOSTRA STORIA – Raf e Umberto Tozzi in concerto

DUE, LA NOSTRA STORIA – Raf e Umberto Tozzi in concerto

Raf e Umberto Tozzi in concerto Raf e Umberto Tozzi in concerto

Raf e Umberto Tozzi in concerto
con Raf, Umberto Tozzi, e la loro band
produzione e organizzazione Friends & Partners
Bassano del Grappa, Palabassano 2, 18 dicembre 2021

www.Sipario.it, 23 dicembre 2021

Mentre scorre il fiume di gente e si avvia verso l’uscita, dopo lo spettacolo, un commento a caldo sentito nell’aria definisce in pieno il live appena visto:“Concertone”, così lo definisce una ragazza e non si ha certo timore di smentirla. Concertone, si’, quello di Raf e Umberto Tozzi, uniti da una grandissima amicizia che viene da lontano, e da collaborazioni frequenti, culminate ora con questo tour “Due. La nostra storia”, del quale una tappa è approdata al Palabassano 2 di Bassano del Grappa (Vicenza), organizzato da DuePunti eventi. Già a prima vita si intuisce sul palco cosa accadrà, grazie a una serie infinita di strumenti che fanno prevedere una formazione importante e numerosa che andrà a suonare. Cosa che infatti è, con una decina di musicisti che insieme a Raf e Umberto Tozzi aprono la serata a ritmo di cuore battente, quel “Battito animale” che viene dall’anima, appunto, e che testimonia la passione di una, anzi, due, anzi più ancora vite, di chi la musica la fa e la sente divertendosi. E’ subito festa, e si vede, un entusiasmo che porta in brevi attimi alla felicità dei presenti, già belli scatenati dai primi brani. Un progetto, quello dei due cantautori, costruito in crescendo e che fa praticamente ascoltare al pubblico accorso numeroso tutti i loro successi, e molti dei brani della loro produzione, ben ventotto, per una durata esemplare di più di due ore senza mai una pausa. Un concertone, appunto, dove sia Raf che Umberto Tozzi sono in stato di grazia e mostrano il loro divertimento allo stato puro, che ben si unisce a quello della gente, in una vera e propria festa, appunto. Un concerto rinviato più volte, annunciato e rinviato, sempre in bilico, come molti altri a causa dell’avanzare e al perdurare della pandemia che ancor oggi non garantisce più di tanto, ma che rispetto a tempi più bui fa tirare qualche respiro di sollievo in più. Molta energia diffusa e continuativa, canzoni che tutti cantano a squarciala, ed ecco servito il pop di due artisti molto amati dal pubblico, tutto sommato abbastanza simili anche nelle loro distinte produzioni, che un unico pubblico affiatato segue ora per questo loro percorso assieme. I due sul palco, complice la grande band accompagnatrice, si scambiano le canzoni, in un’onda di grande flusso vivo e denso di adrenalina, e un clima di complicità bello da vedere, dove, ad esempio in “Notte rosa” è Raf a cantare il ritornello come la sentisse completamente sua, con il collega che lo guarda piacevolmente. “Noi ci divertiamo molto in questo tour, con questo progetto” - assicura Tozzi, - “ e siamo qui per farlo fare anche a voi, sperando che quest’incubo che viviamo finisca davvero prestissimo”. Teorie avallate ovviamente da tutti, una speranza che continua, ma intanto si canta come si può, seduti in ordine sui propri posti e con la mascherina. E un brano colpisce più di tutti, simbolico, “Come una danza”, l’ultimo scritto dai due, quasi un segnale premonitore di quello che sarebbe accaduto. Poi, il resto, come detto è vera festa, che induce a parteciparvi, a non limitarsi. Ecco allora una dietro l’altra, le altre hit che hanno fatto successo negli anni, da “SI può dare di più” a “Gente di mare”, “Gli altri siamo noi”, “Ti amo”, “Malinverno”, “Donna amante mia”, “Oggi un Dio non ho”, tutto suonate con grande energia. Un momento acustico al centro dello spettacolo, con altre canzoni molto conosciute, e poi via verso il gran finale, che non esita, non si limita a un’esecuzione e basta: “Cosa resterà (degli anni 80)”; “Inevitabile follia”, “Stella stai”, “Tu”, e i bis, “Ti pretendo” e “Gloria”. E’ un palazzetto dello sport e della musica che vibra di emozioni. Il resto appunto, può solo essere festa mentre si torna a casa.

Francesco Bettin

Ultima modifica il Sabato, 25 Dicembre 2021 10:38

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.