mercoledì, 27 maggio, 2020
Sei qui: Home / A / ABISSO (L') - di e con Davide Enia

ABISSO (L') - di e con Davide Enia

"L'Abisso", di e con Davide Enia "L'Abisso", di e con Davide Enia

tratto da Appunti per un naufragio
spettacolo di e con Davide Enia
musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri,
produzione Teatro di Roma, Teatro Biondo di Palermo, Accademia Perduta/Romagna Teatri
in collaborazione con il Festival Internazionale di Narrazione di Arzo

visto al Teatro di Ragazzola, Parma, 31 ottobre 2019
Al Piccolo Teatro Grassi di Milano, fino al 24 novembre 2019

www.Sipario.it, 13 novembre 2019

Senza fiato. Inabissati nell'orrore del Mediterraneo trasformato in cimitero. Gettati nel buio, naufraghi strappati alle onde nere del mare. La luce abbagliante di Lampedusa, lo zio Beppe malato di tumore, il rapporto col padre, siciliano di poche, pochissime parole. Frammenti di un racconto che toglie il respiro, L'abisso di e con Davide Enia, affiancato dalle musiche e dalla chitarra di Giulio Barocchieri è uno di quegli spettacoli che dovrebbe essere visto dal maggior numero di spettatori possibili, dovrebbe essere programmato ovunque perché ha la forza di un duro j'accuse, è un pungolo alla nostra coscienza, ma è anche e soprattutto teatro d'autore in cui parola e corpo sono un tutt'uno nel segno di un fare poetico che vorrebbe costruire nuovi mondi, nuove sensibilità, spingere ad agire chi partecipa alla parola incarnata del teatro. In tempi come questi un lavoro come L'abisso ha la potenza dell'imperativo categorico kantiano. Davide Enia con L'abisso — tratto dal suo romanzo Appunti per un naufragio —  ci sbatte in faccia la disumanità della strage dei migranti, trasforma la cronaca di una tragedia umanitaria nell'epica di un dolore che annichilisce e che è tutto nella voce, nel cunto che l'attore utilizza con grande intensità ritmica. Le parole sono un tutt'uno con una gestualità che sa essere secca, tagliente, incisiva e potente. Davide Enia è corpo attraversato dalle parole, è racconto agito. La corporeità è nel dire di quei corpi irriconoscibili, tumefatti di acqua, è nel dolore d'ospedale dello zio Beppe, è nei bambini/cadaveri e nell'inafferrabilità di quei morti galleggianti e di quei sopravvissuti che scivolano dalle mani e possono essere salvati solo prendendoli dalla maglietta, mettendo loro in bocca le mani per sollevarli dalla tomba d'acqua. Davide Enia si fa testimone, lo è nel suo presentarsi a Lampedusa per vedere e raccontare, lo è nel tessere intrecci fra la tragedia dei migranti e il suo vivere quotidiano, lo fa nella consapevolezza che l'Europa è figlia di un'attraversata del Mediterraneo, quella del Ratto d'Europa, il mito che s'invera nella traversata del Mediterraneo dei migranti. Una connessione che non può lasciarci indifferenti, noi migranti tanto quanto loro.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Giovedì, 14 Novembre 2019 04:31

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.