mercoledì, 12 agosto, 2020
Sei qui: Home / C / CONFESSIONE (LA) - regia Alberto Oliva

CONFESSIONE (LA) - regia Alberto Oliva

"La confessione", regia Alberto Oliva "La confessione", regia Alberto Oliva

Il capitolo censurato dei Demoni
adattamento di Alberto Oliva e Mino Manni

da I demoni di Fëdor Dostoevskij

con Mino Manni

regia Alberto Oliva

produzione Teatro Franco Parenti
Teatro Franco Parenti, Milano, dal 7 al 18 febbraio 2018

www.Sipario.it, 15 febbraio 2018

In una sala teatrale che ha il sapore di un bunker, Mino Manni interpreta il Male che alberga in noi. Dà voce alle parole di Dostoevskij che, nelle sue opere, ha saputo indagare gli aspetti più profondi e contradditori dell'animo umano. In questa direzione va "La confessione", con l'adattamento dello stesso Manni e di Alberto Oliva anche regista di questa pièce. Un letto disfatto con una coperta di lana malamente stesa è la scenografia essenziale che ci accoglie all'ingresso della Sala Treno Blu del Teatro Franco Parenti.
Ci sediamo sulle poche panche disponibili e ha inizio lo spettacolo. La prima parola pronunciata da Manni-Nikolai Stavrogin è preceduta da un lungo silenzio. Si crea un'atmosfera di tensione che fa presagire a una confessione intensa. Il protagonista inizia a raccontare di una bambina conosciuta, facendoci immaginare una pedofilia praticata e allo stesso tempo oggetto di un pentimento presunto che trova sfogo nel ricordo del conseguente suicidio della piccola. È un pentimento presunto, trattenuto non pieno. E lo capiamo quando a quell'episodio malvagio se ne aggiungono altri nella narrazione del protagonista. Che sfonda il velo di questa ambiguità emotiva "buttandoci in faccia" il vero sentimento solo apparentemente nascosto. È il male. È lui, ora, al centro della scena al servizio di un nichilismo totale che non ha più voglia né possibilità di tornare sui suoi passi. La risata isterica di Stavrogin è la forma che prende questo deciso moto d'animo. Non c'è più possibilità di barare. L'incertezza iniziale che poteva essere frutto di un ripensamento della propria condotta morale, lascia spazio, definitivamente, alla certezza della volontà del male compiuto. Nel finale, il protagonista chiede al pubblico di essere compreso. Ma il suo disinteresse alla risposta di questa richiesta potrebbe dar adito ad altri misfatti che vanno oltre l'ultima parola scritta nella Confessione. Sono queste le note di uno spettacolo, minimalista, intenso, in cui l'abilità interpretativa di Manni scorre tranquilla nel racconto del Male, senza colpi di scena recitativi e registici che lascino un segno importante.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Giovedì, 22 Febbraio 2018 19:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.