lunedì, 18 ottobre, 2021
Sei qui: Home / C / CANI DI BANCATA - regia Emma Dante

CANI DI BANCATA - regia Emma Dante

Cani di bancata Cani di bancata Regia Emma Dante

testo, scene, costumi e regia di Emma Dante
luci: Cristian Zucaro
intepreti: Manuela Lo Sicco, Antonio Puccia, Salvatore d’Onofrio, Sandro Maria Campagna, Carmine Maringola, Sabino Civilleri, Michele Riondino, Alessio Piazza, Fabrizio Lombardo, Ugo Giacomazzi e Stefano Miglio
Crt. Milano, teatro dell’Arte (prima nazionale).
Teatro Palladium, Roma dal 23 settembre al 5 ottobre 2007

Il Messaggero, 27 settembre 2007
www.Sipario.it, 2007
I "Cani" di Emma Dante

Il teatro ci sta abituando a nuove modalità per parlare di mafia. Ricordando fatti di cronaca (L'istruttoria), sviscerando le ragioni profonde che ne dimostrano l'immortalità (Gomorra), aggredendo fisicamente l'occhio dello spettatore attraverso scene che rimandano simbolicamente a scenari dell'immaginario collettivo. Quest'ultimo è il caso di Emma Dante, la drammaturga e regista siciliana che nel suo Cani di bancata (ospite del Romaeuropa edizione 2006, è tornato in questi giorni al Palladium di Roma Tre) svela attraverso un'ultima cena profana e sgangherata le dinamiche ineludibili imposte da una divinità terrena.
La Mammasantissima (Manuela Lo Sicco), versione femminile del Padrino, chiama a raccolta i suoi cani a grufolare tra le macerie di una piccola umanità. Distribuisce a loro, disposti a piramide intorno a un tavolo che incombe sulla platea in verticale, pane e vino, carne e sangue dei loro simili, compromessi e bassezze. Espressionista, dritta al punto, sguaiata come la deriva che rappresenta, questa femmina vorace vi farà tremare. Fino al 5 ottobre.

Paola Polidoro

Il capostazione Liborio Paglino (Stefano Miglio) ammazza accidentalmente un suo collega e nel cercare protezione dalla mafia finisce col dover sottostare alle sue regole. Questo è il pretesto narrativo. La mafia è una cagna rabbiosa, ma è anche il Dio, che chiede ai suoi figli una fedeltà assoluta, che si celebra nel sangue. Emma Dante, con Cani di bancata, racconta, denuncia la natura pervasiva di una mafia che si 'fotte l'Italia', una mafia che seduce a Destra come a Sinistra, che sacrifica i propri figli per acquisire potere, che nel sangue s'accresce e si rinvigorisce. Cani di bancata è tutto questo, è un rito che ha la forza della metafora, è uno spettacolo che non può lasciare indifferenti. La regista palermitana racconta la mafia usando gli elementi che le sono cari: la sacralità, i riferimenti alla religione, cultura che lega a sé affiliati, cultura mafiosa per eccellenza, sembra suggerire la stessa regista. A incidere l'anima dello spettatore sono le immagini che la regista riesce a costruire per narrare il rito d'ingresso nella mafia, un potere che usa le categorie di famiglia, religione, fedeltà, onore, giustizia non solo per rendersi plausibile, ma per farsi mondo contrapposto a quello civile, come neppure chi sta fuori riesce a percepire. La mafia è mamma affettuosa e terribile, è donna che nutre i suoi figli, è Dio femmina che chiede rispetto e distribuisce, con insondabile giustizia, fortuna e sfortuna, è Dio che manda i suoi discepoli nel mondo perché ne diffondano il messaggio. L'abbraccio della mafia si fa mortale ed è strepitosa la scena finale in cui, di fronte ad un'Italia capovolta, i picciotti nudi "si fanno" il Paese, rivolgendo le terga agli spettatori, mostrando la scritta "Io ti affido l'Italia"…

Nel raccontare tutto ciò Emma Dante si serve unicamente di una serie di sedie/scranni che, unite, ora partecipano a disegnare la sagoma di una cattedrale, ora l'emiciclo di un parlamento mafioso, o ancora i posti che stanno ai lati di una tavola imbandita. Strepitosa è l'immagine dell'ultima cena in cui Dio-Mafia (grande, intensa, unica Manuela Lo Sicco) distribuisce ai figli il pane, il suo corpo e sangue. Quei figli sono un gruppo indistinto di uomini, desiderosi di scalare gli scranni del potere e della considerazione di mamma mafia. Laddove Emma Dante affida la sua riflessione alla potenza del gesto e alla forza dell'immagine Cani di bancata stupisce ed è efficace. Meno intenso appare il disegno drammaturgico, meglio sarebbe dire testuale, per cui la lotta fra i figli della mafia appare a tratti macchinosa e un po' confusa, così pure la gestione d'insieme di un gruppo di attori in sintonia, ma differenti per potenzialità espressive.

L'impressione assistendo a Cani di bancata è che Emma Dante col suo "j'accuse" alla mafia e ai suoi riti abbia assolto ad un personale dovere etico e morale nei confronti della sua terra. Ora ciò che attende Emma Dante è il nuovo distacco dalla sua Sicilia, per un viaggio in un altrove che metta al sicuro il suo teatro da un regionalismo e provincialismo autoreferenziale… Emma Dante lo sa e si può supporre che abbia già pronte le valige non per fuggire, ma per farsi regista di un orizzonte più ampio.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Lunedì, 12 Agosto 2013 09:46

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.