mercoledì, 30 settembre, 2020
Sei qui: Home / G / GUERRA SANTA - regia Gabriele Russo

GUERRA SANTA - regia Gabriele Russo

Andrea Di Casa e Federica Rosellini in "Guerra Santa", regia Gabriele Russo Andrea Di Casa e Federica Rosellini in "Guerra Santa", regia Gabriele Russo

di Fabrizio Sinisi
regia Gabriele Russo
con Andrea Di Casa e Federica Rosellini
scene Lucia Imperato
costumi Chiara Aversano
luci Cesare Agoni
effetti sonori Alessio Foglia
produzione Centro Teatrale Bresciano, con il contributo di Fondazione Cariplo - Progetto Dramatos,
Teatro Mina Mezzadri, marzo 5 marzo 2018

www.Sipario.it, 29 marzo 2019

Nel riferire di Guerra santa di Fabrizio Sinisi urge una doppia lettura: una che dia conto del contesto e l'altra del testo/spettacolo. Con contesto si intende la coraggiosa e interessante proposta che il Centro Teatrale Bresciano ha fatto a Fabrizio Sinisi: diventare dramaturg dello stabile. E così dopo il lavoro di riscrittura di Jekill, Guerra santa vuole essere il primo tassello di una trilogia che ha come finalità indagare il rapporto fra padri e figli nella contemporaneità. In questo contesto la nuova produzione del Ctb si appezza in particolar modo per il suo valore programmatico, perché concretizza una concezione del fare teatro e del produrre teatro che chiede agli artisti di lavorare in loco, di produrre su idee condivise e che possano tradurre la forza rilevante e disvelante del teatro come convocazione di comunità intorno alla parola incarnata dall'attore. E non sarà un caso che il testo di Sinisi abbia vinto il Premio Testori, ovvero il premio intitolato a quell'autore che nella seconda metà del Novecento individuò nella parola poetica che si fa carne una cifra estetica precisa.
Detto questo, Guerra santa risente – paradossalmente – del passo breve della cronaca e dell'inciampo della retorica. Fabrizio Sinisi ci presenta Leila, giovane orfana, che incontra un uomo che chiama padre e che si scopre essere un sacerdote che l'ha cresciuta in orfanotrofio. Lelia è tornata dal padre, dopo sette anni e dopo essere fuggita per arruolarsi nelle fila del terrorismo islamico con il suo migliore amico, anche lui cresciuto sotto l'ala protettiva del sacerdote. Il confronto fra la ragazza e il religioso è un confronto duro, fatto di stilettate verbali, in cui il rimosso e il non detto emergono come giustificazioni di atti terroristici, come bombe rimaste inesplose. Il testo di Sinisi procede con fare incalzante, mette in campo tante, troppe situazioni, concedendosi a una verbosità a tratti autoreferenziale e un po' ridondante. In realtà i due personaggi non dialogano, ma monologano, in un flusso di parole che mischia terrorismo e sensi di colpa, amore cercato e silenzi ingombranti, piccole gelosie e grandi utopie.
La regia di Gabriele Russo e le scene di Lucia Imperato danno a questo confronto poetico un contesto scenico e di azione di estrema concretezza che connota troppo e vuole troppo descrivere: quelle macerie di una sorta di capannone bombardato portano in uno spazio fortemente connotato ma al tempo stesso distante dal tono e ritmo del testo. I due attori Andrea Di Casa e Federica Rosellini gestiscono come possono un flusso di parole che chiama in causa la rabbia giovanile, l'ispirazione religiosa prestata al sangue terroristico, il rapporto con il sacerdote e la gelosia di Lelia nei confronti di quel compagno di orfanotrofio, il preferito del padre, fattosi esplodere in nome di un Dio conosciuto per protesta e voglia di assoluto. Tutto questo accade in scena con monologante e retorico dirsi, in un inanellarsi di immagini, concetti che abbracciano un mondo e finiscono col frequentare – forse inconsapevolmente – stereotipi. Guerra santa di Sinisi è un primo passo, forse un inciampo, che comunque non deve precludere e non preclude la bontà dell'operazione messa in atto dal Ctb, ovvero pensare ad un dramaturg stabile con cui costruire un'idea drammaturgica e autorale che caratterizzi lo stabile bresciano e sappia trasformare in azione agita e pensata le parole della contemporaneità.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Domenica, 31 Marzo 2019 12:05

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.