venerdì, 21 gennaio, 2022
Sei qui: Home / M / MONDO PERFETTO (UN) - regia Sergio Pierattini

MONDO PERFETTO (UN) - regia Sergio Pierattini

Un mondo perfetto Un mondo perfetto Regia Sergio Pierattini

di Sergio Pierattini
Regia di Sergio Pierattini
Scene e costumi di Barbara Bessi, Luci di Gianni Straropoli, Musiche di Gwyneth Schaefer
Cons. modellistica di Piergiuseppe Diodato
Con: Milvia Marigliano, Sergio Pierattini, Davide Lorin
Produzione: Valdez Essedi Arte/BAM Teatro
Sala Laudamo, Messina 2009

www.Sipario.it, 24 febbraio 2009

Un trenino elettrico, una casetta in miniatura e due sedie, immerse fra le quinte nere della Sala Laudamo di Messina, sono gli elementi scenici di Barbara Bessi, che firma pure i costumi, di questo piccolo-grande dramma che s’intitola Un mondo perfetto scritto diretto interpretato da Sergio Pierattini cui gli è accanto Milvia Marigliano nel ruolo della moglie. La pièce (Premio Riccione 2007) è scandita nei suoi settanta minuti da quattro momenti con altrettanti bui che danno il senso del tempo che passa e dalle musiche intimiste di Gwyneth Schaefer. La coppia in un primo momento è felice di adottare una creatura straniera e i giocattoli sono lì che aspettano solo il suo arrivo. Non si vedrà mai il bimbo in scena che poi, a sentire i due, non è così piccolo. Ha dieci anni, quaranta di piede e la neo-mamma è molto perplessa, sente di non amarlo e lo vorrebbe dare indietro, con chiari rimbrotti del marito ferroviere che non riesce a farglielo accettare. In un terzo momento appare la figura d’un commissario (Davide Lorino) che chiede lumi su come ritrovare il ragazzo che è scappato dileguandosi chissà dove. Infine marito e moglie sono lì sul proscenio nel tentativo di riprendersi la loro vita, mentre il trenino alle loro spalle è completamente deragliato. Uno spettacolo che lascia l’amaro in bocca, recitato con toni bassi (forse troppo bassi da non sentire tanti passaggi), crudele pure, per come il dolore viene esplorato nelle più profonde viscere, e da cui si possono trarre le considerazioni più disparate: dall’egoismo al pietismo per i due coniugi che evidentemente erano troppo abituati a stare in due e non in tre. Un testo che richiederebbe un dibattito alla fine, come si faceva negli anni ’70, senza veder dileguare gli spettatori come succedeva nel primo film di Nanni Moretti sono Io sono un autarchico. Applausi finali calorosi.

Gigi Giacobbe

Ultima modifica il Giovedì, 10 Ottobre 2013 10:42

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.