domenica, 05 luglio, 2020
Sei qui: Home / S / SCHIANTO - regia Stefano Cordella

SCHIANTO - regia Stefano Cordella

"Schianto", regia Stefano Cordella. Foto Antonio Ficai "Schianto", regia Stefano Cordella. Foto Antonio Ficai

uno spettacolo di Oyes

ideazione e regia Stefano Cordella

drammaturgia collettiva 
con Francesca Gemma, Dario Merlini, Umberto Terruso, Fabio Zulli

disegno luci Stefano Capra

sound design Gianluca Agostini

scene e costumi Maria Paola Di Francesco

assistente alla regia Noemi Radice
organizzazione Valeria Brizzi, Carolina Pedrizzetti
produzione Oyes con il sostegno di Mibac, Fondazione Cariplo,
Next-laboratorio delle idee per la produzione e la distribuzione dello spettacolo dal vivo 2018/2019,
Centro di Residenza della Toscana (Armunia Castiglioncello – CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro),
Teatro in-folio/Residenza Carte Vive

menzione speciale Forever Young 2017/2018 – La Corte Ospitale
Teatro Franco Parenti, Milano, dal 5 al 17 novembre 2019

www.Sipario.it, 13 novembre 2019

Lo schianto di una generazione, senza uscite di emergenza

Quattro personaggi, adulti, sull'orlo di un precipizio esistenziale si incontrano in un luogo non definito delimitato da una parete di vetro trasparente. Sono disperati o meglio tentano di non esserlo. C'è chi si sente schiacciato dalle responsabilità di un figlio, chi non trova soluzioni alla propria solitudine, c'è poi lei che, nel sesso dei bagni di un locale pubblico, affoga l'incapacità di trovare un senso nella vita. E poi un altro che, divenuto adulto e padre, si rende conto di aver perso forse, definitivamente, la possibilità di sognare. Sono storie che non si limitano solo nell'essere raccontate. I loro protagonisti sono narratori e ascoltatori. Si alternano nel ruolo di confessore delle proprie sofferenze e in quello di assolutore. Perché ognuno vede nell'altro una boa a cui aggrapparsi che poi, inesorabilmente, non galleggia. Restano gli eroi e i simboli. Così vediamo in scena: un personaggio vestito da Robin, inno alla ricerca della giustizia in un mondo che va a rotoli e, soprattutto, un mezzo per dar vita ai sogni e alla fantasia; e un altro che indossa la maschera di un capriolo dagli occhi tristi. Proprio il capriolo, in una scena, verrà investito da un'auto di cui vediamo i fanali luminosi dietro il pannello di vetro. È un momento importante dall'alto valore simbolico. Lo Schianto del povero animale è lo Schianto di una generazione che, in un mondo senza più valori, ha perso tutto. Tutto e soprattutto l'innocenza di un bambino che può ancora sognare e cambiare. Ormai è tardi. Gli occhi tristi di quell'animale sono la nostalgia di chi vorrebbe tornare indietro e non può. Resta solo una soluzione. Non sentire più niente, come viene detto in scena. La regia di Stefano Cordella ci fa vedere questo, attraverso bravi attori che danno precedenza alla drammaturgia collettiva della compagnia Oyes, interessante e predominante.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Giovedì, 14 Novembre 2019 04:37

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.