domenica, 26 settembre, 2021
Sei qui: Home / C / CHOPIN RACCONTA CHOPIN - coreografia Paul Chalmer

CHOPIN RACCONTA CHOPIN - coreografia Paul Chalmer

Chopin racconta Chopin Chopin racconta Chopin Coreografia Paul Chalmer

dal romanzo di Piero Rattalino
coreografia: Paul Chalmer
regia: Beppe Menegatti
impianto scenico: Michele Della Cioppa
costumi: Giuseppe Palella, luci: Patrizio Maggi
danzatori: Gaia Straccamore, Alessandra Amato, Annalisa Cianci, Sara Loro, Viviana Melandri, Roberta Paparella, Claudio Cocino, Paolo Gentile, Vito Mazzeo, Damiano Mongelli, Manuel Paruccini
attori: Susanna Marcomeni, Italo Dall'Orto, Sergio Nicolai
pianista: Roberto Cominati, violoncellista: Andrea Noferini
Roma, Teatro Nazionale, dal 26 al 30 marzo 2010

Il Messaggero, 28 marzo 2010
Il Messaggero, 30 marzo 2010
Il Tempo, 30 marzo 2010

Delicata operazione di recupero della vicenda umana e sentimentale del genio musicale polacco Fryderyck Chopin, ispirata all’omonimo volume biografico, curato da Piero Rattalino Chopin racconta Chopin. Non tutto funziona come dovrebbe. Colpisce la bravuta e la forza di Susanna Marcomeni nel ruolo, centrale e portante in questa ricostruzione, di George Sand, la celebre scrittrice francese che fu amante e musa di Chopin. Assai valido anche il contributo degli undici artisti della compagnia di balletto dell’Opera scelti da Paul Chalmer come interpreti delle danze da lui elaborate con eleganza e delicatezza ma anche con parecchie dissonanze, qua e là, che stonano con l’insieme. Squisita, per eleganza e intensità interpretativa Gaia Straccamore accanto a un Vito Mazzeo aitante ma poco concentrato, almeno al debutto, nella sua parte e qua e là esistante. Bene Claudio Cocino, specie in coppia - se non andiamo errati - con la poetica Sara Loro. Le splendide pagine di Chopin sono eseguite da Roberto Cominati (piano) e Andrea Noferini (violoncello). Regia di Beppe Menegatti.

Donatella Bertozzi

Delicata operazione di recupero della vicenda umana e sentimentale del genio musicale polacco Fryderyck Chopin, ispirata all’omonimo volume biografico, curato da Piero Rattalino Chopin racconta Chopin. Non tutto funziona come dovrebbe. Colpisce la bravuta e la forza di Susanna Marcomeni nel ruolo, centrale e portante in questa ricostruzione, di George Sand, la celebre scrittrice francese che fu amante e musa di Chopin. Assai valido anche il contributo degli undici artisti della compagnia di balletto dell’Opera scelti da Paul Chalmer come interpreti delle danze da lui elaborate con eleganza e delicatezza ma anche con parecchie dissonanze, qua e là, che stonano con l’insieme. Squisita, per eleganza e intensità interpretativa Gaia Straccamore accanto a un Vito Mazzeo aitante ma poco concentrato, almeno al debutto, nella sua parte e qua e là esistante. Bene Claudio Cocino, specie in coppia - se non andiamo errati - con la poetica Sara Loro. Le splendide pagine di Chopin sono eseguite da Roberto Cominati (piano) e Andrea Noferini (violoncello). Regia di Beppe Menegatti.

Donatella Bertozzi

Smielato Chopin sulle punte Chopin è autore popolare.

Non a caso tutto il mondo lo ricorda nel bicentenario della nascita. Anche la danza lo celebra, ma già aveva cominciato Fokine con la poesia de Le Silfidi, postumo omaggio al balletto romantico. L'Opera al Teatro Nazionale (stasera ultima replica, poi matiné per le scuole) sceglie di raccontarne la vita (Chopin racconta Chopin) seguendo il romanzo biografico di Piero Rattalino in uno spettacolo registicamente imbandito da Menegatti con le coreografie d'annata di Chalmer. Il punto di forza è l'esecuzione musicale con una selezione un po' monocroma di pagine affidate ad interpreti d'eccellenza, come il pianista Roberto Cominati ed il cellista Noferini. Tutta la pièce, sostenuta dalla presenza di Susanna Marcomeni nei panni mascolini dell'amata George Sand, rende di Chopin l'anima borghese e sentimentale, non il côté eroico e rivoluzionario, che traspare dall'amor patrio e dalla ribellione contro l'occupazione russa. Ne esce una biografia edulcorata, «per le dame», poco incisiva, teatralmente prolissa e al solito troppo didascalica. Uno spettacolo adatto solo per le scuole, ma con qualche alleggerimento. In buona luce i solisti di danza del Teatro. Buoni gli ingredienti, stantio l'assemblaggio.

Lorenzo Tozzi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 09:47
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.