domenica, 03 marzo, 2024
Sei qui: Home / D / DEUX MILLE VINGT TROIS – Ideazione Maguy Marin

DEUX MILLE VINGT TROIS – Ideazione Maguy Marin

"DEUX MILLE VINGT TROIS", ideazione Maguy Marin. Foto Davide Ragusa "DEUX MILLE VINGT TROIS", ideazione Maguy Marin. Foto Davide Ragusa

Ideazione Maguy Marin
in stretta collaborazione con Kostia Chaix, Kaïs Chouibi, Chandra Grangean, Lisa Martinez, Alaïs Marzouvanlian, Lise Messina, Rolando Rocha
Luci Alexandre Béneteaud
Direttore di scena Albin Chavignon
Colonna sonora / video Victor Pontonnier
Ricerca documentaria e scenografia Paul Pedebidau
Coproduzione Reggio Parma Festival; Maison de la Danse; La Comédie de Saint Etienne; Théâtre de la Ville de Paris; e con il sostegno di Cndc Angers; Gymnase de Roubaix; RAMDAM, UN CENTRE D’ART
Teatro Cavallerizza, Reggio Emilia 18 novembre 2023

www.Sipario.it, 23 novembre 2023

Maguy Marin, coreografa dalla chiara coscienza sociale nel mondo delle arti, in  Deux Mille Vingt Trois  analizza i meccanismi che manipolano l'opinione pubblica, e pone la domanda: abbiamo ancora la libertà di pensiero in un mondo dominato dal denaro e dai media che colonizzano le menti? La coreografa rinuncia alla danza e in questo spettacolo, che è un  lungo pamphlet politico, afferma la sua rabbia inondando il pubblico di parole in una composta denuncia del vuoto infinito dei social network e del capitalismo imperante in cui tutto implode.

Lo spettacolo inizia con un muro su ogni mattore del quale è scritto il nome di un brand.  Subito questo muro crolla e dietro i ballerini accovacciati ripetono instancabili gesti sempre uguali, quasi inconsapevoli, immersi passivamente nell'oscurità che perdura  uguale per tutto l'evento. La citazione è evidente ma è solo il punto di partenza. In questo spettacolo non ci sono passi di danza, solo gesti ripetitivi prodotti dai ballerini quasi invisibili, di cui si sente quasi solo il rumore dell'azione meccanica.  Questi incarnano coloro che vogliono costruire, sommersi. Su un lato un' interprete traduce le parole di individui che si succedono in proscenio raccontando senza commenti i più diversi fatti di cronaca, analizzando con  lucidità ciò che porta l'umanità a questa sottomissione volontaria e passiva al potere dei media. Sullo sfondo del palco sono proiettate foto di personaggi politici e magnati dell'economia: Putin, Darmanin, Le Pen, Chirac, Mitterrand,... I volti dei potenti sono proiettati accompagnati dalle frasi da loro pronunciate, presentate come <<assurdità di queste persone che sono esse stesse assurdità umane>>, spiega la coreografa. I novanta minuti dello spettacolo sono intercalati dal passaggio di una maschera del teatro giapponese che richiama l'attenzione e denuncia problemi contemporanei diversi, il capo sormontato ora da una centrale nucleare, ora da un carrarmato, da una banca, da un aereo caccia, da giornali….. Questo spettacolo gioca con ritmi, timbri, suoni, azioni e gesti basandosi su una serie di testi che denunciano i meccanismi di sottomissione. Compone, scompone, ricompone immagini ed emozioni e pone l'interrogativo su come possiamo trovare il libero arbitrio nei flussi di informazioni sovrabbondanti e incontrollate a cui abbiamo accesso e sul modo in cui il marketing e i social media ci influenzano. Sorge spontanea poi la domanda: Siamo complici, colpevoli o vittime di un nuovo oppiaceo? 

Giulia Clai

Ultima modifica il Giovedì, 07 Dicembre 2023 19:35

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.