giovedì, 27 febbraio, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Villaggio di cartone (Il) di Ermanno Olmi

Villaggio di cartone (Il) di Ermanno Olmi

Villaggio di cartone (Il) di Ermanno OlmiErmanno Olmi
VILLAGGIO DI CARTONE (IL)
Con saggio introduttivo di Vito Mancuso
Archinto, Milano, Euro 12.00, pp. 93

Con Il villaggio di cartone Ermanno Olmi guarda ai "migranti" di oggi in stato di sofferenza e crisi. E lo fa immedesimandosi in un vecchio parroco, cui hanno sconsacrato la chiesa, spostato i banchi, messo da parte l'altare, via i paramenti, giù il Crocifisso. Sconfortato e solo, il prete tenta invano di mimare la messa e predicare ad un auditorio assente. Ma quella femminile voce d'aiuto, quei clandestini in cerca d'alloggio, quel nero ferito mentre fuori urlano le sirene della polizia, per il prete sono un'umanità in pena. La chiesa torna ad essere chiesa, tendaggi sui banchi fanno capanna, l'acquasantiera santifica gocce di pioggia dal tetto sberciato, luci di ceri sono fuoco che riscalda. Il vecchio parroco non è più solo. Non importa che il sagrestano faccia entrare un gruppo di agenti della sicurezza, che fuori stridano le sirene. Il prete resiste e obbediente ad una divina legge di carità, fa della chiesa cenacolo di sopravvivenza. Umanissimo e paterno con migranti in attesa di un pass per la Francia, rinvigorisce lo spirito con un'interiore certezza: "O noi cambiamo la Storia o la Storia cambierà noi".

Del film di Olmi, che respira anche delle "considerazioni" di Claudio Magris e Gianfranco Ravasi, il teologo Vito Mancuso rilegge la sceneggiatura per trafilarne le scene con dialogo e, di contro alla "logica dell'utilitarismo che si ritrova anzitutto nella versione dogmatica del cristianesimo", rilevarne un metamorfico e "non mercantile" bisogno oggi, al di là della fede, di "fare il bene", di "esserci-per-gli-altri".. Di qui, come nel film di Olmi, quel vero spirito "cristico" che sente "Dio non come risposta ma piuttosto come domanda" e Cristo compimento pieno che fa della "relazione assoluta dell'amore il senso ultimo dell'essere e della vita".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 14:53
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.