martedì, 15 ottobre, 2019
Sei qui: Home / L / LASCIO ALLE MIE DONNE - regia Nanni Fabbri

LASCIO ALLE MIE DONNE - regia Nanni Fabbri

Lascio alle mie donne Lascio alle mie donne Regia Nanni Fabbri

di Diego Fabbri
regia: Nanni Fabbri
scene: Enrico Tenaglia
costumi: Giorgio Ricchelli
musiche: Stefano Marcucci
con Lello Arena, Angiola Baggi, Tiziana Bagatella, Emanuela Trovato
Roma, Teatro Italia, dal 22 gennaio al 10 febbraio 2008

Avvenire, 24 gennaio 2008
Fabbri a teatro irride il maschilismo con Lello Arena assediato da 3 donne

Nella memoria collettiva dei teatranti italiani Diego Fabbri è fra i pochissimi sopravvissuti della pattuglia di autori non dialettali che fra gli anni '50 e '60 riscuotevano grande attenzione. Fabbri sopravvive soprattutto per l'attivismo studioso della sua Forlì, un Premio importante a lui intitolato, e la devozione filiale di Nanni Fabbri, regista. Al quale si deve ora il ritorno alla ribalta di Lascio alle mie donne del 1969. In tournée, al Teatro Italia di Roma. Sotto l'aspetto del divertissement questo lavoro fa trasparire domande tutt'altro che futili. Collegandosi idealmente ad una commedia di 18 anni prima, Il seduttore, nella quale il protagonista, attingendo alla metafisica, procura, vivendo di menzogne, che le sue tre donne – moglie e due amanti, tenute rigorosamente separate – diventino amiche. Ma, scoperto l'intrigo, esse si coalizzano contro il maschio, che si suicida. Da qui inizia l'altra commedia, e il lascito è appunto il testamento di Renato, il seduttore. Aperto dal notaio e socio affezionato Enrico, rivela la volontà del defunto che ripartisce il patrimonio fra consorte e compagna d'adulterio a condizione che si incontrino per un anno a scadenze fisse e approfondiscano la reciproca conoscenza. Così avviene, l'armonia sembra ritrovata nella memoria dell'amato defunto. La spregiudicatezza del tema sollevò nel 1969 alcune proteste. Oggi rivela tutta l'ironia e la pietà racchiuse in questa sorta di mozartiano 'così fan tutti'. Dove, senza scivolate nella pochade, risaltano acutamente i caratteri femminili. Interpretati con solida classe da Angiola Baggi, Tiziana Bagatella, Emanuela Trovato, mentre la simpatica vivacità del notaio Lello Arena, motore comico, a tratti eccede nei colori. Applausi vibranti.

Toni Colotta

Ultima modifica il Domenica, 22 Settembre 2013 06:27

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.