domenica, 03 marzo, 2024
Sei qui: Home / S / SARÀ CAPITATO ANCHE A VOI – di e con Teo Mammucari

SARÀ CAPITATO ANCHE A VOI – di e con Teo Mammucari

"Sarà capitato anche a voi", di e con Teo Mammucari "Sarà capitato anche a voi", di e con Teo Mammucari

di e con Teo Mammucari
distribuzione JM Production e CE Agency in collaborazione con Spettacoli Pro
regia Teo Mammucari
produzione Spettacoli Pro
Vicenza, teatro Comunale, 2 febbraio 2024 

www.Sipario.it, 3 febbraio 2024

Irriverente e politicamente non corretto Teo Mammucari, in questa sua nuova produzione dalla lunga tournèe italiana, approdata nella sala Maggiore del teatro Comunale di Vicenza. Il pubblico, come si suol dire, è quello delle grandi occasioni che dal primo all’ultimo minuto gli riserva calorose attenzioni.  Sarà capitato anche a voi prende il titolo dalla prima fase del brano Zum zum zum cantato da Sylvie Vartan, e Mina, ma confermando l’irriverenza di cui sopra Mammucari non si richiama nemmeno lontanamente alla televisione, non a quella degli anni Sessanta, almeno. Showman capace di stare sul palco per quasi due ore, confermando l’esperienza solida di anni come animatore turistico, che come si sa è perfetta per farsi le ossa in teatro, Mammucari sciorina in questo spettacolo un po’ di tutto. Meno la musica, ecco, visto che la chitarra che appare sul palco serve soltanto a strimpellare un improbabile e improvvisato brano sul finale, dedicato a uno spettatore fin dai primi minuti preso di mira, benevolmente s’intende. La comicità del Teo showman televisivo e teatrale presto si amalgama, mentre il pubblico intervenuto (il teatro è praticamente esaurito), predisposto e molto attento davanti al suo beniamino, ascolta tutto rispondendo con sicure e sane risate a ogni battuta. Un buon segno, ancora una volta, direi, per il teatro, di qualsiasi genere esso possa essere, anche quello puramente cabarettistico che non riceve lezioni da nessuno e niente. Saper far ridere, lo si sa, è quanto mai arte complicata e anche se collaudata come in questo caso non si sa mai, a monte, come può andare a finire. Consensi o non consensi, la sala ospitante potrebbe rivelarsi meno piena del previsto, cosa che per Sarà capitato anche a voi comunque non capita, con grande soddisfazione dello stesso Mammucari, della produzione Spettacoli Pro, e naturalmente anche dell’organizzazione del teatro vicentino. Il titolo dello spettacolo si richiama certo alle cose che succedono un po’ a tutti, mettendoci sullo stesso piano chi più chi meno, e i temi sono quelli classici: l’amore in primis, il sesso, i rapporti umani in generale. Ironico e leggero ma con sprazzi di riflessione, anche Mammucari conferma uno stato di grazia che va a premiare gli spettatori, che si divertono come poche altre volte ho visto, e come riportato sopra la soddisfazione è divisa con lui stesso. Un personaggio in cerca d’autore, è lo stesso Teo a definirsi così, narrando il suo vissuto di amori e incomprensioni, amicizie e città attraversate, esperienze. Il comico-presentatore sa bene come suddividersi, e come prendere il pubblico, le pause tra un aneddoto e un altro come da mestiere sa riempirle anche con poco, basta una parola, uno sguardo. Sulla scena, uno sgabello, una sedia, l’asta del microfono e un effetto luci da discoteca anni Settanta, effetto cercato, voluto che rende bene le atmosfere di certi locali italiani e non, di certe situazioni evasive e sentimentali. Mammucari ne ha un po’ per tutti ipersonaggi della televisione, con  ironico umorismo. Racconta di un mondo televisivo recente, di colleghi, di un amore passato e di una figlia che è tutto il suo mondo. Irriverente, ho detto all’inizio, e travolgente, omaggiante persino l’Italia in un brevissimo siparietto con le luci adeguate, il paese più bello del mondo. Il suo racconto è il nostro, come si conviene, in cui tutti possono riconoscersi o quasi. Gli amici, il cinema (Titanic), persino Pupo a cui fa l’imitazione, il pugilato al quale lo zio lo iniziò a sedici anni, e Ischia, un racconto mistero che tale rimane fino alla fine, quando viene svelato in un altro dei suoi aneddoti. La dote di un comico come Mammucari è proprio quella di raccontare in maniera normale. Il racconto, in caso specifico quello comico, bisogna saperlo fare, è un metodo, un esercizio. SI ride molto, con un monito finale che vira sul serioso: Non pensate a rivincite ma ai vostri figli, solo così si può essere un buon genitore.

Francesco Bettin

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Febbraio 2024 06:16

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.