mercoledì, 22 maggio, 2024
Sei qui: Home / W - X - Y - Z / ZIO VANJA - regia Leonardo Lidi

ZIO VANJA - regia Leonardo Lidi

"Zio Vanja", regia Leonardo Lidi. Foto Gianluca Pantaleo "Zio Vanja", regia Leonardo Lidi. Foto Gianluca Pantaleo

PROGETTO ČECHOV – seconda tappa
di Anton Čechov 
con Giordano Agrusta, Maurizio Cardillo, Ilaria Falini, Angela Malfitano, Francesca Mazza,
Mario Pirrello, Tino Rossi, Massimiliano Speziani, Giuliana Vigogna 
regia Leonardo Lidi
scene e luci Nicolas Bovey 
costumi Aurora Damanti suono Franco Visioli 
Teatro Stabile dell’Umbria / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale / Spoleto Festival dei Due Mondi
Torino, Teatro Carignano dal 21 al 26 novembre 2023

www.Sipario.it, 26 novembre 2023

C’è tutto ma non si vede nulla. Meglio, non ci sono le cose. C’è la potenza della parola evocatrice che basta. Non c’è la dacia, il samovar, tavole e poltrone, letti e balaustre, finestre e tendaggi. C’è l’immaginazione, forte e ammaliante quella del regista Leonardo Lidi, necessaria e vivificata quella dello spettatore. Per concorrere insieme ad uno stesso obiettivo. Vivere come vero uno spettacolo, starci dentro, soffrire e sorridere ed elaborare, con i personaggi, infinitesime proiezioni del sé. Un cast di ottimo livello, una parete di legno, una panca, un cane, vivo nero e bellissimo, un dentro e un fuori, e la commedia di Cechov nella sua interezza, a riverberare dolenti solitudini e la miriade di altre emozioni che solo una partitura magistrale offre. Storia d’amore e rimpianto, di illusione, di modestia e tracotanza, di violenze grandi e piccole, di lungimiranza, di accidia, di abnegazione, di una commistione tra bontà e cattiveria. Una commedia striata di amarezze dove Zio Vanja, incarnato da Speziani sensatamente ipercinetico in preda a crisi di nervi, disprezza il professor Serebrjakov (un laido Maurizio Cardillo), sedicente intellettuale, invecchiato e sposato in seconde nozze con la bella Elena (Ilaria Falini), che non è indolente come da tradizione, ma tesa, sul crinale del deragliamento continuo. Di lei sono innamorati sia Vanja sia il dottor Astrov, figura charmant che sogna il rimboschimento per la buona sorte del pianeta, ma è desertificato dal vuoto interiore, inesorabile. Serebrjakov si rivela borioso e insulso e Vanja, che ha lavorato in campagna per mantenerlo, ha un tracollo e si crogiola nei rimpianti. E poi c’è Sonja (Giuliana Vigogna di incantevole bruttezza), la nipote di Vanja e figlia di primo letto di Serebrjakov. E’ la consolazione, dolce nella sua rassegnazione. Anche i ruoli minori sono cesellati con cura, Telegin di un imponente e affettuoso Giordano Agrusta, l’anziana madre di un’assertiva Angela Malfitano, la vecchia balia Marina di Francesca Mazza con i suoi incantamenti e la lucida flemma dell’esperienza, il guardiano di Tino Rossi con la sua presenza vigile. 

Maura Sesia

Ultima modifica il Domenica, 26 Novembre 2023 11:32

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.