martedì, 15 giugno, 2021
Sei qui: Home / S / SERATA BEJART - coreografia Maurice Béjart

SERATA BEJART - coreografia Maurice Béjart

Serata Béjart Serata Béjart Coreografia Maurice Béjart

L'Oiseau de feu
musica: Igor Stravinskij
Chant du compagnon errant
musica: Gustav Mahler
Le sacre du printemps
musica: Igor Stravinskij
direttore: Daniel Harding
con Massimo Murru, Oscar Chacon, Dawid Kupinski Orchestra e Corpo di Ballo del Teatro alla Scala Milano,
Teatro alla Scala, dal 16 dicembre 2009 al 5 gennaio 2010

Corriere della Sera, 18 dicembre 2009
Rivive la rivoluzione Béjart nel doppio emozionante Stravinsky

Le nozze di Maurice Béjart con la Scala sono state celebrate, testimone il sovrintendente Paolo Grassi, all' inizio degli anni 70, e sono durate, con alterne vicende, fino al giorno della scomparsa del coreografo-filosofo francese, nel novembre 2007. È stata una presenza che ha fatto capire anche a noi italiani le ragioni universali del balletto-teatro, portato fuori dalle sedi tradizionali e lanciato negli stadi e nei palasport; il messaggio era importante, esaltava la bellezza e la gioventù, giurava sulla vittoria dell' amore sulla morte, condannava le dittature e le violenze in nome di una felicità superiore. La Scala onora il «suo» Béjart con una serata carica di forti emozioni, riprendendo tre capolavori, «L' uccello di fuoco» e «Le sacre du printemps» di Stravinsky e «Il canto del compagno errante» di Mahler. Sono tre momenti di rottura «vera» con il passato, in particolare per quanto riguarda Stravinsky. Nell' «Uccello di fuoco» Béjart cancella l' antica fiaba russa per esaltare le lotte di liberazione. L' eroe, il poeta, può morire ma risorgerà come la mitica Fenice dalle sue ceneri. «Il canto del compagno errante», sui lieder di Mahler cantati in modo superbo dal baritono Maltman, è la storia dell' uomo e del suo doppio, un duetto straziante di lotta, passione, separazione (memorabile fu, nel 1971, l' interpretazione di Nureyev e Bortoluzzi). Alla fine l' altro di sé porta via, forse nel nulla, il protagonista, nuovo Orfeo senza Euridice. Il concetto del «Sacre» - sacrificio pagano dell' Eletta per far tornare la primavera - è stato da Béjart completamente rovesciato: è l' amore che trionfa collettivamente ed è l' amore che trasforma la società brutale in una festa miracolosa. Le musiche sono di grande firma ed esigono una direzione intensa, ritmicamente ed emotivamente perfetta: Daniel Harding ne ha recuperato tutte le tensioni e le bellezze. Il Corpo di ballo della Scala ha ben figurato soprattutto nel «Sacre». I solisti, degni dell' applauso caldissimo del pubblico erano Antonino Sutera , Eris Nezha, Massimo Murru, Gabriele Corrado, Francesca Podini, Mick Zeni.

Mario Pasi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 10:08
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.