giovedì, 02 febbraio, 2023
Sei qui: Home / M / 
LE MEMORIE DI IVAN KARAMAZOV – regia 
Luca Micheletti


LE MEMORIE DI IVAN KARAMAZOV – regia 
Luca Micheletti

Umberto Orsini in "Le memorie di Ivan Karamazov", regia 
Luca Micheletti Umberto Orsini in "Le memorie di Ivan Karamazov", regia 
Luca Micheletti

Da
 Fëdor M. Dostoevskij
Drammaturgia
 Umberto Orsini, Luca Micheletti
Regia 
Luca Micheletti
Con
 Umberto Orsini
Costumi
 Daniele Gelsi
Suono
 Alessandro Saviozzi
Luci 
Carlo Pediani
assistente alla regia
 Francesco Martucci
produzione
 Compagnia Umberto Orsini
Teatro Astra – Torino, 17 – 23 gennaio 2023

www.Sipario.it, 19 gennaio 2023

Sulla scena c’è lui solo: in effetti, viene subito da pensare che non potrebbe essere altrimenti, dato che del cast di quel leggendario sceneggiato da decine di milioni di telespettatori gli attori sono quasi tutti scomparsi. Eppure, lui non soltanto c’è, ma ha vigore ed energia per dare voce ancora una volta a ciascuno di essi, far rivivere quelle scene e rivelarne nuove angolazioni.
Lo sceneggiato in questione, ovviamente, è I Fratelli Karamazov, miniserie televisiva diretta da Sandro Bolchi e trasmessa dal Programma Nazionale della RAI nel 1969: una pagina gloriosa di storia della TV; un evento, più che una trasmissione, da fare epoca. E l’attore che riporta a nuova vita quelle atmosfere catodiche è Umberto Orsini, protagonista al Teatro Astra di Torino con Le memorie di Ivan Karamazov (17 – 22 gennaio 2023). Un monologo di cui Orsini stesso firma la drammaturgia, insieme a Luca Micheletti.
Naturalmente, si parte dal più grande romanzo di Fëdor M. Dostoevskij, I fratelli Karamazov, che Umberto Orsini affronta per la terza volta nella sua carriera d’attore: appunto, dopo l’indimenticato sceneggiato televisivo e anche dopo lo spettacolo La leggenda del grande inquisitore (2014). Un titolo che accompagna da sempre la sua parabola di artista e di uomo e sul quale non ci si stanca di riflettere, di elaborare e metabolizzare. Orsini è, ancora una volta, Ivan: l’intellettuale e il pensatore, l’Amleto dei Karamazov; questa stirpe maledetta e destinata a macchiarsi delle più truci colpe.
Il processo per l’omicidio del padre non si è mai concluso: Ivan è al cospetto dei giudici da tempo immemore e ancora ha fiato per parlare come un uomo ormai maturo, che sente di dover estinguere un debito, chiarendo le esatte dinamiche dei propri molteplici delitti.
Ivan si commuove, ripensando agli occhi del tenero fratello minore Alyosha, è percosso da brividi e sete di giustizia, difendendo il maggiore, l’impetuoso e impulsivo Dmitrij; ammette la sua colpa, pubblicamente e senza esitare, descrivendo il modo in cui seppe plagiare l’ingenuo fratellastro Smerdjakov. Il suo schifo verso la casa dei Karamazov, verso un padre venale, buffone e volgare, è immutato. Così anche la totale mancanza di fede in Dio e nel suo contrario (il demonio), ma soprattutto verso il genere umano. Ecco la verità al fondo dell’opera, epica e monumentale, che Ivan sta scrivendo, Il grande Inquisitore: più che l’ateismo, la disperazione che l’uomo gli suscita (accanto al desiderio e all’opportunità, entrambi frustrati, di amare).
In scena, con Umberto Orsini c’è solo una musica tensiva ad accompagnare la sua drammatica confessione: e poi una folla di ombre, i fantasmi (quelli di Ivan e quelli altrui), gli spettri dei delitti e dei castighi. «La vera vita degli uomini e delle cose comincia soltanto dopo la loro scomparsa» (scrive Nathalie Sarraute, ripresa da Orsini), ma l’autore Dostoevskij al personaggio di Ivan non concede di morire, bensì, solamente di fuggire. Dannandosi in eterno.

Giovanni Luca Montanino

Ultima modifica il Venerdì, 20 Gennaio 2023 11:19

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.